L’Albereta *****L SPA R&C Erbusco (Bs) Chef Abbattista 2 toque & Franco Pepe ^^^

Pubblicato da sopra 23 gennaio 2018

LEONEFELICE is the new restaurant born at L’Albereta, Relais & Chateaux immersed in the countryside of Franciacorta, Erbusco (BS), a short walk from the Bellavista family winery. Carmen Moretti, owner of L’Albereta and Vice President of the Group Terra Moretti, together with her husband, Martino de Rosa, gave birth to the concept and selected brigade

LEONEFELICE is the new restaurant born at L’Albereta, Relais & Chateaux immersed in the countryside of Franciacorta, Erbusco (BS), a short walk from the Bellavista family winery.
Carmen Moretti, owner of L’Albereta and Vice President of the Group Terra Moretti, together with her husband, Martino de Rosa, gave birth to the concept and selected brigade and menus. She is now giving her unique style and also character to the restaurant of her house.
After twenty years of cooperation with the MasterChef Gualtiero Marchesi, L’Albereta today takes another step towards the complete fulfilment of itself and involves its guests in a new experience of taste, coherent to its history and to its authentic essence.
The name pays homage to the old caretaker and gardener of the villa, Leone, who has always taken care, with love and joy, of this house and gardens that surrounds it. With his
daily work, he valorised the generous nature of this place.
The same nature that the Moretti family has entrusted to the Chef Fabio Abbattista.

From Puglia, deeply attached to the authentic flavors of our land and tradition, the executive Chef Fabio Abbattista was thrilled about the possibility of having available a
real hill of products: from vegetables, herbs and vegetables picked daily in the large vegetable garden of the family, to farmyard animals, such as chickens and rabbits, bred as
in the past.
His cuisine shows on the table the flavors of memory, enhancing them with technology and contemporary combinations. Past and present, sea and land, territory and Italian spirit meet here.
“Chef Fabio Abbattista – say Carmen Moretti and Martino de Rosa – has caught perfectly and was able to realize in an excellent way our vision. L’Albereta has always been a home for their guests and our desire was to transfer the same spirit even in restaurants. Hence the dream of recovering – highlighting the values of authenticity – the atmosphere, the food and the recipes of the town houses of the 50s and 60s with a very contemporary twist . ”
The spirit of LeoneFelice restaurant is just that, a place of relaxed and natural elegance.

FABIOABBATTISTA

Fabio Abbattista, born in 1977 in Molfetta, in the province of Bari (Puglia): before taking over the reins of the kitchens of L’Albereta at the head of a brigade of about ten young chefs, he has served as sous-chef alongside Fabio Baldassarre at Restaurant Unico in Milan, where they won the first Michelin star in just six months after the opening.

Moreover, Abbattista has familiarity with stars. He made important experiences in the kitchens of many great restaurants: Cavalieri Hilton in Roma, Square Restaurant in London
(2 stars), Le Gavroche (2 stars) with Michel Roux, Le Spoon in Paris with Alain Ducasse and the Roof Garden Restaurant at Hotel Gran Bretagna in Athens.

THECUISINE

After one year from the opening of LeoneFelice restaurant, the cuisine of Fabio Abbattista declares an evolution towards a direction both “vertical”, through a deepening in the tradition and the products of the Franciacorta region and Italian regions, and “horizontal”, choosing to enlarge its borders by exploring the typical ingredients of other countries of the World.

In addition to this there is a continuous experimentation of ancient and contemporary cooking techniques, in a unique mix of tradition and innovation, with constant attention to health and nutritional quality of food.
The cuisine of Fabio Abbattista is configured today as a harmony that facilitate dialogue among the typical flavors of our tradition, with delicacy and respect, many of which are
reminiscent of his childhood in the busy Puglia, with new and / or exotic elements, in the desire to make the most of the raw material. On each plate, there are two or three elements protagonists that are enhanced to the maximum, through the choice of particular cooking and preparation techniques (among other: low temperature, charcoal, osmosis) or through new combinations to create a perfectly coherent and balanced harmony, where every conflict is beveled and the result is round, welcoming.
Examples of these contaminations are “Lobster & Anise” in which lobster and sweet potato sweetness meets freshness and balsamic green anise, or “Risotto with porcini mushrooms and tonka bean”, for which the Chef has selected a small manufacturer of porcini from Valcamonica, then adding the exotic touch of tonka bean with its almond toasted fragrance, that tells in a new way one of the most classic Italian traditional dishes.
“Meuniere Lavarello whitefish, calamondin and cauliflower toffee” is now the most explicit statement of the cuisine of Fabio Abbattista: after 2 years to discover the Franciacorta area and thanks to the special relationship created with Soardi (a fisherman of Monteisola, the island in the middle of Lake Iseo), also selected by Slow Fish for its focus on sustainability, the Chef has chosen to give voice to the extraordinary nature of
the lake fish, choosing whitefish and enhancing it with an unprecedented combination that combines the tradition of the whole Apulian turnip top and cauliflower with calamondin: a citrus born from the intersection of tangerine with kunquat originating from China.
Similarly in Crêpes the burnt wheat, bergamot and hazelnuts, Fabio opt in preparing the classic recipe of crepes for the burnt wheat flour, which is a typical product of ancient Italian tradition, enlivened by spirited freshness of Sicilian bergamot and reported to the Nordic tradition through a Normandy butter ice cream and caramel.
A cuisine of encounter and dialogue among the Franciacorta territory, Italy and other countries of the world, between memory and innovation. A cuisine where are not allowed
strong contrasts. A round and empathyc cuisine, very careful to the quality and nutritional value of each ingredient, in the desire to seek and ensure quality , health and
pleasure.

“Un Sano Piacere Italiano”.
A Healthy Italian Pleasure

With over 20 years of experience in real estate and hotel business, with L’Albereta in Franciacorta and L’Andana in Tuscany, and catering, alongside master chefs such as
Gualtiero Marchesi and Alain Ducasse, Carmen Moretti and Martino de Rosa formalized with the company’s development atCarmen their extraordinary expertise, internationally recognized.
LeoneFelice is only the last in order of time of the realities of success they have been able to achieve. Visionaries and forerunners of consumer trends in the high-end segment,
Carmen Moretti for the hospitality industry and Martino de Rosa within the food & beverage, are already long pointers for entrepreneurs and investors, Italian and foreign, looking for partners of the highest reliability and authority to entrust the
management of all aspects of business development in these areas: from the concept study, to human resources, from economic management to marketing and communications.
AtCarmen today brings into the world a way of doing business throughout Italian, where intuition, style and management skills act in unison with the success.

L’ALBERETA
RELAIS & CHATEAUX

Set in a wonderful garden, and surrounded by the vineyards of Franciacorta, L’Albereta overlooks the romantic Lake Iseo, a few kilometers from the main cities of art in Lombardy. Once a private villa, now L’Albereta welcomes its guests with 57 rooms and suites, including the Cabriolet Suite – whose roof opens to the stars of the sky just pushing a button. Since 2003 L’Albereta also represents a real temple of health and well-being thanks to the Espace Chenot Health Wellness SPA. To those who love the pleasures of conviviality and of the table, L’Albereta is able to offer a unique dining experience with LEONEFELICE restaurant, which offers a memory cuisine, reinterpreted with a contemporary twist.
And again, the VistaLago Bistrò, perfect from the first morning coffee after dinner with a breathtaking view of Lake Iseo and Montisola.

Via Vittorio Emanuele, 23
25030 Erbusco (BS) Italy

Tel. 0039 030 7760550 – Fax. 0039 030 7760573
albereta.it – info@albereta.it

LEONEFELICE è il nuovo ristorante nato a L’Albereta, Relais & Chateaux immerso nella campagna di Franciacorta, a Erbusco (BS), a pochi passi dalla cantina di famiglia Bellavista.
Carmen Moretti, padrona di casa de L’Albereta e Vicepresidente del Gruppo Terra Moretti, insieme al marito, Martino de Rosa, che ha dato vita al concept e selezionato brigata e menu, imprime ora il suo inconfondibile stile e carattere anche alla ristorazione della sua casa.
Dopo il ventennale sodalizio con il Maestro Gualtiero Marchesi, L’Albereta compie oggi un ulteriore passo verso il pieno compimento di se stessa e coinvolge i suoi ospiti in una
nuova esperienza del gusto, coerente alla sua storia e al suo essere più autentico.
Il nome rende omaggio al vecchio custode e giardiniere di questa villa, Leone, che si è sempre preso cura, con amore e gioia, di questa casa e del verde che la circonda. La
sua serenità, e la sua dedizione erano un tutt’uno, lieto di valorizzare, con il suo lavoro quotidiano, la natura generosa di questo luogo.
La stessa natura che la famiglia Moretti ha affidato allo Chef Fabio Abbattista.

Pugliese, profondamente legato ai sapori più autentici della nostra terra e tradizione, l’executive Chef Fabio Abbattista si è entusiasmato davanti alla possibilità di avere a disposizione una vera e propria collina di prodotti: dagli ortaggi, erbe e verdure colte ogni giorno nel grande orto della famiglia, agli animali da cortile, come polli e conigli, allevati come un tempo.
La sua cucina riporta sulla tavola i sapori della memoria, valorizzandoli con tecnica e abbinamenti contemporanei. Passato e presente, mare e terra, territorio e italianità
si incontrano.
“Lo Chef Fabio Abbattista – affermano Carmen Moretti e Martino de Rosa – ha colto perfettamente e ha saputo interpretare in modo eccellente, la nostra visione. L’Albereta è
sempre stata una casa per i propri ospiti e il nostro desiderio è stato quello di trasferire lo stesso spirito anche nella ristorazione. Di qui il sogno di recuperare – esaltandone i valori di autenticità – l’atmosfera, la cucina e le ricette delle case borghesi degli anni ’50 e ’60 con un twist assolutamente contemporaneo.”
Lo spirito del ristorante LeoneFelice è proprio quello di una rilassata e naturale eleganza.

FABIOABBATTISTA

Fabio Abbattista, classe 1977, è nato a Molfetta, in provincia di Bari: prima di prendere in mano le redini delle cucine de L’Albereta a capo di una brigata di una decina di giovani cuochi, ha ricoperto il ruolo di sous-chef al fianco di Fabio Baldassarre al Ristorante Unico di Milano, che ha conquistato 1 stella Michelin in soli sei mesi dall’apertura.
D’altronde, Abbattista ha consuetudine con le stelle.

La sua preparazione si è formata attraverso importanti esperienze presso le cucine del Cavalieri Hilton di Roma, dello Square Restaurant di Londra (2 stelle), del Le Gavroche (2 stelle) con Michel Roux, de Le Spoon a Parigi con Alain Ducasse, oltre che al Roof Garden Restaurant dell’Hotel Gran Bretagna di Atene.

LACUCINA

Ad un anno dall’apertura del ristorante LeoneFelice, la cucina di Fabio Abbattista dichiara una evoluzione verso una direzione sia “verticale”, attraverso un approfondimento della tradizione e dei prodotti del territorio franciacortino e regionale italiano, che “orizzontale”, ovvero scegliendo di allargare i suoi confini mediante l’esplorazione di ingredienti tipici di altri Paesi del Mondo.

A ciò si aggiunge una sperimentazione continua di tecniche e cotture antiche e contemporanee, in un mix straordinario di tradizione e innovazione, con costante attenzione alla salute e alle qualità nutrizionali dei piatti.
La cucina di Fabio Abbattista si configura oggi come un’armonia che mette in dialogo tra loro, con delicatezza e rispetto, i sapori tipici della nostra tradizione, molti dei quali
sono una reminiscenza della sua infanzia nella vivace Puglia, con elementi nuovi e/o esotici, nel desiderio di valorizzare al massimo la materia prima. In ogni piatto, emergono due o tre elementi protagonisti che sono esaltati al massimo, attraverso la scelta di tecniche particolari di cottura e preparazione (tra le altre: a bassa temperatura, ai carboni, osmosi) o attraverso abbinamenti inediti che però creano una sintonia perfettamente coerente ed equilibrata, dove ogni contrasto è smussato e il risultato è rotondo, accogliente.
Esempi di queste contaminazioni sono l’Astice & Anice nel quale la dolcezza dell’astice e della patata americana incontra la freschezza e la nota balsamica dell’anice verde, o il Risotto ai funghi porcini e fava tonka, per il quale lo Chef ha selezionato un piccolissimo produttore di porcini della Val Camonica aggiungendo poi il tocco esotico della fava tonka con la sua fragranza mandorlata, tostata che racconta in modo nuovo uno dei piatti più classici della tradizione italiana.
Il Lavarello “alla mugnaia”, calamondino e toffee di cavolfiore è oggi la dichiarazione più esplicita della cucina di Fabio Abbattista: dopo 2 anni alla scoperta del territorio di Franciacorta e grazie al rapporto speciale creato con Soardi, pescatore di Montisola Lavarello “alla mugnaia” e calamondino Ph Massimo Loda selezionato anche da Slow Fish per la sua attenzione alla ecosostenibilità, lo Chef ha scelto di dare voce alla straordinarietà del pesce di lago, scegliendo il lavarello e valorizzandolo con un abbinamento inedito che unisce la tradizione tutta pugliese della cima di rapa e del cavolfiore con il calamondino: un agrume nato dall’incrocio del mandarino con il kunquat, originario della Cina.
Similmente nelle Crêpes al grano arso, bergamotto e nocciole, Fabio opta nella preparazione della ricetta classica delle crêpes per la farina di grano arso, ovvero un prodotto tipico della tradizione pugliese antica, vivacizzato dalla freschezza briosa del bergamotto siciliano e riportato alla tradizione nordica attraverso un gelato al burro di Normandia e caramello.
Una cucina, dunque, di incontro, di dialogo, tra la Franciacorta, l’Italia e gli altri Paesi del mondo, tra memoria e innovazione, dove non sono ammessi distonie o contrasti forti. Una cucina rotonda ed empatica, attenta alla qualità e ai valori nutrizionali di ogni ingrediente, nel desiderio di ricercare e garantire qualità, salute e piacere.

Un Sano Piacere Italiano.

Con oltre 20 anni di esperienza nel mondo del real estate e dell’hôtellerie, con L’Albereta in Franciacorta e L’Andana in Toscana, e della ristorazione, al fianco di Maestri come
Gualtiero Marchesi e Alain Ducasse, Carmen Moretti e Martino de Rosa hanno formalizzato con la società di sviluppo atCarmen la loro straordinaria expertise, internazionalmente riconosciuta.
LeoneFelice è solo l’ultima in ordine di tempo delle realtà di successo che hanno saputo realizzare. Visionari e precorritori dei trend di consumo nel segmento alto di gamma, Carmen Moretti per il settore dell’ospitalità e Martino de Rosa nell’ambito del food&beverage, rappresentano già da tempo punti di riferimento per imprenditori e investitori, italiani e stranieri, alla ricerca di partner della massima affidabilità e autorevolezza cui affidare la gestione di ogni aspetto dello sviluppo del business in tali settori: dallo studio del concept, alle human resources, dalla gestione economica al marketing e alla comunicazione.
Oggi atCarmen porta nel mondo un modo di fare impresa tutto italiano, dove intuito, stile e capacità manageriali agiscono all’unisono con il successo.

L’ALBERETA
RELAIS & CHATEAUX

Immersa nel suo rigoglioso parco secolare, e circondata dai vigneti della Franciacorta, L’Albereta si affaccia sul romantico Lago di Iseo, a poche decine di km dalle principali città d’arte della Lombardia. Un tempo villa privata, ora L’Albereta accoglie i suoi ospiti con le sue 57 camere e suite, tra cui la Cabriolet Suite – il cui tetto si apre alle stelle del cielo al solo premere di un bottone. Dal 2003 L’Albereta rappresenta anche un vero e proprio tempio della salute e del benessere grazie a L’Espace Chenot Health Wellness SPA. A chi ama i piaceri della convivialità e della tavola, L’Albereta è in grado di offrire
una straordinaria esperienza gastronomica con il ristorante LEONEFELICE, che propone una cucina della memoria, reinterpretata con un twist contemporaneo. E ancora, il
VISTALAGO Bistrò, perfetto dal primo caffè del mattino al dopocena, con una vista mozzafiato sul lago di Iseo e Montisola.

LANDSCAPE: FRANCIACORTA

A winding wave of hills that come down from Lake Iseo as far as the plane of the River Oglio, Franciacorta is a green island that lies off the beaten track, situated 20 km from Brescia and Bergamo, 60 km from Milan and just over 100 km from Verona and Mantua.
A sunny, morainic amphitheater, Franciacorta is an evocative natural land replete with towers, castles, buildings and noble villas, parish churches, sanctuaries and abbeys, whose stones enclose the fascinating history of this territory located between the Alpine valleys and the Po Valley.
Traditionally a farming land. Although there are various hypotheses regarding the origin of the name Franciacorta, according to the most convincing and accredited of these it derives from “francae curtes”, the little medieval communities of Benedictine monks that were exempted from paying taxes and tolls in return for teaching the indigenous population how to cultivate the vines.
These same boundaries now delimit the “Franciacorta” production area, which gives its name to the famous sparkling wine produced using the classic slow re-fermentation in the bottle method. The wine is made exclusively in the area where the grapes are cultivated, and these must be Chardonnay and/or Pinot Bianco and/or Pinot Nero. We are referring to DOCG Franciacorta, the king of Italian sparkling wines and the first and only bottle fermented Italian brut to have attained this recognition.
But Franciacorta is much more than the land of sparkling wine. At the same time as the DOCG Franciacorta, in 1995 the still white and red wines were labelled Terre di Franciacorta DOC.
It is no coincidence, therefore, that one of the best ways of discovering this land is by going to visit the wineries: many are located in old villas and buildings and preserve – exalt, even – the fascination of time. Other more recent wineries are perfectly integrated in the natural landscape and merge with the vineyards and gardens that surround them.
Perfect examples are the wineries belonging to the Terra Moretti Group: Bellavista and Contadi Castaldi. The first one, opened in 1977, is located on the hill of the same name, a
green hillock that boasts an incredible vista of a truly unique panorama; here the horizon opens up, the view taking in the centuries-old park and the surrounding woods and vineyards, and stretching as far as nearby Monte Orfano, the Alps, and Lake Iseo.
The second one, Contadi Castaldi, was opened in 1987 on the premises of the ancient Biasca di Adro furnace. This evocative 1880 building was transformed, using the most modern of conversion techniques, into the ideal place to age Franciacorta wines, with its long arched underground passages, separated by thick walls, maintaining excellent levels of temperature and humidity.
This vocation for wine might lead one to think that, in Franciacorta, nature is a synonym for vineyard. But this is not the case: the vineyards alternate with olive trees, orchards, fields, and woods to create a watercolour that should be discovered gradually, with due time taken to enjoy the things hidden behind each village, beyond every hill.
A natural environment that enjoys a pleasant, temperate and well-ventilated climate. It is no coincidence that, in past centuries, Franciacorta was the place that the noble families of Brescia and Bergamo chose to build their country homes, where they could enjoy long holidays. This is why the hills are still dotted with dozens of magnificent villas, surrounded by stunning gardens and timeless parks.
Another unwavering presence in this land is connected with the monastic courts that had large estates here as far back as the year 1000 AD and before. Their traces remain not only in the numerous parish churches, convents and abbeys – some of which among the most important in Italy – but also in the values that hold sway here: respect for the rhythm and space of nature, the emphasis on crafts, the pleasure of sharing, the search for peace and harmony between body and soul. As well as the wine, food also plays a key role in raising the spirits.
As well as the wine, food also plays a key role in raising the spirits. Franciacorta is full of excellent restaurants but also must-visit ‘osterie’ and ‘trattorie’ whose menus offer high quality dishes, straightforward yet tasty, as well as a handful of typical delicacies based on local produce. Traditional Franciacorta cuisine has two distinct origins: the agricultural hinterland and the lake, with fishing done at the nearby Lake Iseo. The dish that unites these two differing culinary approaches is polenta, the perfect accompaniment to both the fish from the lake – mainly tench, vendace and bass – and traditional rural meats such as pork and beef. Stuffed oven-baked tench and ‘manzo all’olio’ are the most representative dishes of these two culinary approaches, one connected with the lively and unpredictable world of water, and the other with the solid values of the land.

HOLDING TERRA MORETTI

In 1996 an idea in its embryonic form was given a name and once that had occurred, what was little more than an idea became reality. First and foremost, Terra Moretti refers to a place deeply linked to a family from the Franciacorta area. It is a success story, the result of the visions, of hard work day by day and of the tenacity of its founder. It is a dream come true.
However, the denomination Terra Moretti does not just mean where your roots are, namely the Bellavista hill, one of the first ones above Erbusco. More than that, it conveys the desire
to go beyond the horizon, to breathe deeper. It is an idea linked to our beloved mother earth, vast enough to allow us to leave and return, to sow ideas, to find other places, other enterprises. All that is then accompanied by the curiosity for more attractive encounters, for new people, who quickly become familiar to each other once their shared empathy becomes
evident. This is a vital condition to feel happy even somewhere else.
This is what Mr. Vittorio Moretti, the founder of Terra Moretti has turned into his mission: seeking, wherever the opportunity arises, a perspective that never forgets its origins. Seeking uniqueness means combining proactive skills with a respect for tradition, transforming something that already exists, having understood or even discovered its true value.
This is why Terra Moretti is able to offer locations, services and products where the good and the useful are closely related to a desire for beauty, for something that will last, in which quality is a both a tool and an aim, a daily achievement.
Holding Terra Moretti includes 11 companies operating in four separate yet complementary sectors: building construction: Moretti Industria delle Costruzioni and its subsidiaries Moretti Prefabbricati, Moretti Interholz, Moretti Contract and Moretti Real Estate boat building: Maxi Dolphin wineries: Bellavista, Contadi Castaldi, Petra and Tenuta La Badiola TerraMorettiResorts: L’Albereta, L’Andana and Casa Badiola Tuscan Inn This complex group relies on a highly motivated staff willing to do their best, striving to achieve security and satisfaction, the only known measures of personal and corporate success.
A sense of responsibility, spirit of initiative and conviction are their shared values, providing the energy required to find the best solutions, to innovate and renew.

CARMEN MORETTI DE ROSA

Born in 1968, Carmen Moretti has worked for the company founded by her father Vittorio Moretti in Erbusco, Franciacorta (Brescia), since the early 90’s. Her professional growth has come about in parallel with the development of the family business, now organised, as per the current trend, in a holding called Terra Moretti. Terra Moretti boasts 11 subsidiaries,
concentrated in 3 main business sectors: industrial construction, wine, and extra-luxury hotels.
In the current group structure, Carmen Moretti covers the following roles: Managing director of the hotel division of Terra Moretti, TerraMorettiResorts represented by the hotels L’Albereta, L’Andana and Casa Badiola; Head of communication strategies of the Holding Terra Moretti; Vice chairman of the Holding Terra Moretti.
Each of these roles is the result of a long period of training, undertaken following her high school graduation in languages and a Master’s in “Marketing and Business Management” at
Ipsoa in Milan.
Having completed her studies, for two years Carmen Moretti worked alongside the managing director in the sub-holding active in the industrial construction field, Moretti Industria delle Costruzioni. During this training period she came into contact with all sectors of the construction business, above all the financial and administrative areas, following the development of the real estate business which, in the meantime, was in the process of creating a division for the development of activities in the hotel and tourism sector.
Indeed, in the second half of the 1970’s, her father Vittorio Moretti had launched an important and courageous project to promote the Franciacorta territory, founding the first wine business in 1977 – the Bellavista winery, still one of the biggest names in the international wine production trade 30 years later – and developing a series of tourist-hotel activities around the project designed to attract an elite class of tourist to Franciacorta, able to appreciate the natural and cultural resources of a land traditionally known for its excellent wines. The Franciacorta Gold Club was opened in 1985 and the following year a private little club for food lovers became the present-day “Mongolfiera dei Sodi”. The development of these new businesses was now the responsibility of a new division that was increasingly becoming a genuine business sector. A sector that would prove to be of strategic importance for the growth of the entire group. Carmen Moretti continued her preparation with a further period of training at some of the most exclusive of hotels, where she gained on-the-job experience of how to administer, manage and promote a hotel that seeks to attract an international clientele that loves luxury and gourmet cuisine.

Two individuals in particular would be prove to be valuable mentors to her in this world: famous chef Gualtiero Marchesi and Antonio Marson, then manager of the Splendido hotel in Portofino, where Carmen had spent a few months learning the ropes. Together with them she would open L’Albereta in 1993, beginning what would become her biggest commitment for the next 10 years: managing the development policies of the hotel sector in synergy with the potential attractiveness of the wine industry and the local territory. Over these ten years
L’Albereta became part of the exclusive French chain Relais & Chateaux and, thanks also to the reputation of Gualtiero Marchesi, Carmen Moretti was able to globalise the brand,
identifying the best partners on the most promising markets for the luxury goods sector. On Luciano Pavarotti’s biggest tours, toasts were made with Franciacorta di Bellavista, and gala dinners were organised for actual and potential guests of the hotel in the most strategic cities for L’Albereta’s market. Thanks to this intense promotional activity, L’Albereta is now known at a global level, having boosted its appeal further in 2003 with the opening of the second Henri Chenot medical centre, following the one in Merano.
The success of this business model has seen the group attract the interest of some top-quality partners. “The internationalisation process” – explains Carmen Moretti – “has been an important development and one in which my husband, Martino de Rosa, has played a crucial role. Having gained plenty of experience in naval brokerage, he brought a new, perhaps more aggressive business culture to our group, but certainly a successful one. Together with him I launched the group holding project, and we entrusted him with the strategies and the start-up of the La Badiola estate. We have also managed to keep our business and private lives separate, seeking to divide the different roles in a balanced way. The La Badiola farmhouse is an important chapter in our history, almost part of the family photo album.”
And so, well-known chef-manager Alain Ducasse entered into a partnership with the Terra Moretti Group to open in Tuscany, in 2004, a resort that reproduces in a single farmhouse – once the property of the Grand Duke of Tuscany – all the features that contributed to L’Albereta’s success: an exclusive hotel, the cuisine of a great chef, a golf course, wine made on the property and, not far away in Suvereto, the Petra winery, which Vittorio Moretti entrusted architect Mario Botta to design. Today Carmen Moretti is managing director of two resorts and involved in improving marketing and communications policies to ensure the growth and consolidation of a tourism model that bases it competitiveness on a single, distinguishing value: the landscape and, as such, the local territory, its culture, and its history.
Since 1997, Carmen Moretti’s professional growth in the tourism/hotel industry has proceeded hand-in-hand with her involvement in the reorganisation of the group, a development requested by Vittorio Moretti and undertaken with the consultancy of Alfredo Ambrosetti. A necessary change to ensure growth in every sector and through which 11 companies have been reorganised into two sub-holdings, which are subsidiaries of the established family holding company Terra Moretti, presided over by Vittorio Moretti.
The influence of the family remains in terms of the group’s guiding principles, whilst the organisational structure has been shaped and developed at a managerial level through the
consolidation of managerial roles and the creation of Management Committees and working groups. The latter are strongly focused on increasing the competitiveness of the individual brands in line with the guidelines laid down by the holding company. Change management is a commitment that the group views as fundamental for the balanced growth of each consolidated activity, and for ensuring that the brands remain highly competitive.

Carmen, together with her sister Francesca, sits on the Board of Directors of the holding company and the two sub-holdings, and is vice chairman of the Terra Moretti holding company. In this role, she directs the group alongside her father and is also responsible for the communications strategies of both the holding company and the two sub-holdings. A role that involves her in institutional activities, but one in which Carmen has continued to follow a traditional approach that not only views communications as a marketing activity but, especially when it comes to Italian-made products and Italian business, as a driver of marketing itself.
With a department devoted to communications, Carmen Moretti now gives form and communicative appeal to the values that have always shaped the business choices made by Vittorio Moretti. The aim is twofold: to outline the values of the business culture shared by the 600 current employees, and to guarantee their continuity so they can be shared by the newer generations.

AtCarmen

Carmen Moretti e Martino de Rosa, partner in life, and since more time in work, created AtCarmen, a company that operates in restaurants, hotels and wines business and in events
organization.
AtCarmen is the result of many years of experience and operates in the areas of catering, hospitality and wines, with the aim of creating a company able to find adequate and accurate solutions, as well as, if necessary, to effectively deal with the management of such projects.
AtCarmen is the main character in the whole food revolution at L’Albereta Relais & Chateaux.

HOSPITALITY

L’ALBERETA RELAIS & CHATEAUX

A venerable country villa, a stunningly beautiful landscape, a haven of total wellbeing.
Birth and key personalities Hidden away, protected almost, by the seductive nature, L’Albereta Relais & Chateaux is located on the gentle slopes of the Bellavista hill, completely immersed in the evocative Franciacorta countryside.

Gentle hills dotted with ordered vineyards, ancient looming towers that act as ramparts, villages and medieval castles, silent abbeys, busy wineries, Renaissance buildings and noble 18th and 19th century villas: Franciacorta is a melting pot where the past, present and future merge together in perfect harmony.
A venerable country villa dating back to the early 20th century, L’Albereta is now a relais di charme with SPA owned by the Moretti family, who have been inextricably linked with this
land for many years. Not just because the family’s roots are here, but above all because they have a deep-rooted love for the area. The family of Vittorio Moretti, who used to go and visit this grandiose villa – now L’Albereta – in the company of an elderly aunt, are owners of major business group, Holding Terra Moretti. This solid group boasts 11 subsidiaries, which are active in the construction sector (Moretti Industria delle Costruzioni); the wine trade (the Bellavista and Contadi Castaldi wineries in Franciacorta, and the Petra and Tenuta La Badiola wineries in Tuscany); the nautical industry (the Maxi Dolphin boatyard); and the hospitality segment with the L’Albereta resort in Franciacorta and L’Andana in Maremma Toscana Investing, making the most of the land’s natural resources to lay down roots for the future: this is the spirit that has always driven Vittorio Moretti, and now his daughters Carmen and Francesca, in their development of activities and services aimed at promoting the territory and spreading its culture with an emphasis on beauty and quality. As such the gradual progression from construction to wine, and wine to the hotel business in the Lombardy-Tuscany region has been inevitable.
L’Albereta’s success is largely down to Carmen Moretti de Rosa, Vice Chairman of the Terra Moretti Group and Managing Director of the TerraMorettiResorts division. She had dreamed of developing a hotel complex dedicated to satisfying the whims of its guests, to maximizing free time and to the art of living since childhood when, travelling with her parents, she had been enchanted by similarly charming homes where every last detail made her feel as welcome and important as when visiting the houses of friends: from the décor to service, from the landscape to the cooking.
And it was this emphasis on good taste that led her to involve Maestro Gualtiero Marchesi in the project. She put the idea to him one evening in his Milan restaurant, during a dinner with her father and a common friend, Gianni Brera: a trip to the villa and the charm of the location, and the rest is history. Maestro Marchesi was won over, seeing L’Albereta as the perfect sounding board to exalt his culinary compositions. And so begun a partnership that has been more than 20 year-long.
L’Albereta opened its doors for the first time on 23rd September 1993 presenting its guests with its first 9 rooms, located in the main building of the villa and the Torre Bellavista.
L’Albereta: the years that followed. Rooms Fifteen very busy years have followed, with 1999 seeing L’Albereta join the Relais & Chateaux luxury hotel chain. There are now 57 rooms, including 9 suites and 9 junior suites, each one different from the next and boasting a skillful combination of love for the beautiful and maximum comfort.
As it has increased its number of rooms, the architectural structure of this Neo-Renaissance villa has also undergone modification. L’Albereta now spans across five buildings: the original country house with the Torre Bellavista, the more recent Contadi Castaldi, the pre-existing Casa Colonica with its arcade, and now the new Torre del Lago. Opened in 2002, the Torre del Lago was built in the park to capture the best panoramas offered by the landscape.
Warm shades or tones tending towards the neutral, lines that are soft and enveloping here, cleaner there, to emphasize the light that comes in from the large windows; precious fabrics
such as satin, silk, grosgrain and damask for the drapery, flax and linen for the bedclothes; precious marble in cream, antique pink, pearl grey and sage in the bathrooms; vintage furniture jealously conserved or hailing from different areas of the world, a reminder of journeys to far-off lands. Every item of the décor has been studied down to the most minute of detail.

An intimate fireplace makes the atmosphere in a number of rooms even more magical, almost turning them into private little homes; in others, four-poster beds are the epitome of
relaxation and a throwback to other times. Large whirlpools or multi-purpose showers with hydro-jet and Turkish bath functions allow you to take a relaxing and invigorating break in the privacy of your own room. Frescoes and decorations on the walls are a reminder of a delicate world where angels and elements of nature combine to calm and relax guests. Warm parquet flooring alternates with Italian and Irish marbles intarsias, also favoured by the Queen at Buckingham Palace.
Balconies and terraces stretch out among the verdant vineyards, tall pines, majestic magnolias, fragrant limes and the many other trees that fill the L’Albereta park, giving almost every room a breathtaking view of the landscape surrounding the relais; in many cases, the view stretches as far as Lake Iseo, a gorgeous beauty spot that remains one of Italy’s least explored lakes.
An unmissable surprise for romantics? Just utter the number 404 when making your booking.
By doing so you’ll secure a truly original room, the kind of which you won’t find anywhere else.
Climb the stairs at the entrance and you’ll be greeted by a sumptuous four-poster bed: it will be impossible to resist temptation and take a lie down.
Press a button and, as if by magic, the roof of the room will open up. And your new ceiling will be a star-filled sky that captures your gaze immediately. This will be just a prelude to the most romantic of evenings and memorable of journeys in the company of Morpheus.
A fitting way to wake up the following morning? A delicious breakfast on the little private terrace that reaches out among the winding slopes of Franciacorta, with its breathtaking view over the Sebino.
Such a special room can only be unique.

La Casa del Bosco

The former home of the caretaker of the villa is now the Casa del Bosco, hosting two deluxe rooms and a junior suite, and ideal to be entirely reserved as a very private retreat: the two rooms and the suite, along with the living area, become, in effect, a “home”, where guests can enjoy complete privacy in total comfort. In here, the unique style of Carmen Moretti de Rosa has been even more valued thanks to the fruitful collaboration with the interior design study AMOAMA of the Architects Valentina Moretti and Francesco Matricardi, who consistently worked on colors, materials and textures to create a truly unique project.
In the junior suite on the top floor, a special work created by the Artisan and Wood Sculptor Giuseppe Rivadossi stands out: the scenic and suggestive canopy bed from whose four vertices real trees sprout out, transforming the junior suite in a real enchanted forest. A natural nest, an intimate, refined refuge where peace and serenity find their own place in the landscape of the soul.

Indoor spaces

The attention to detail and good taste that distinguishes the aesthetics of the rooms also marks out the common areas. The hall is enveloped by a bow window that ensures a level of continuity between the internal and external: the light serves to create this union with inside and outside merging into one. Green, green, and more green, in all its shades, made even softer by oases of white: the pines in the park are mirrored by the ferns designed on the seats in the living rooms; the white of the jasmine is reflected by the velvet of the sofas; the scent of lavender and rosemary, with their darker shades, created a refined harmony of fragrance and color with the delicate floral arrangements that decorate the hall. An oasis of peace and tranquility where the silence is broken only by the water that gushes from the fountain outside.
The relaxing Sala Scacchi is a real treat for guests, an intimate and cozy room where you can unwind with a good book or a chat with friends. The imperious fireplace with large Heraldic coat of arms that watches over the room, the original frescoes that mirror the geometry of the chessboard, the earthy and leathery shades, the high coffered ceiling, and the harsh scent of burnt wood all combine to make this elegant little refuge truly magical.
A place dedicated to reading but also the pleasures of relaxing. The Greeneige Lounge is an invitation to slow down and enjoy little moments of pleasure. Warm shades, from grey to
beige and natural textures, enveloping volumes. The relaxing atmosphere mirrors that of a living room in a private home. A large library where you find all kinds of texts: narratives,
poetry, architecture, art and much more besides. A fireplace set apart for the enjoyment of couples. A piano around which, as night falls, a pre-dinner drink can be enjoyed to the most
seductive of melodies. Three romantic terraces serve to protect this space in a loving embrace: fragrant hanging gardens that look out onto the park, the charming landscape of Franciacorta, and the peaceful waters of nearby Lake Iseo.
Light, space, silence, time: this is the true essence of L’Albereta.

RESTAURANTS

Founded as a haven dedicated to the art of living and the pleasure of conviviality, L’Albereta is still a genuine temple of good taste thanks to its new restaurant LEONEFELICE that finds a perfect complement in the VISTALAGO bistro and its stunning terrace over the lake Iseo.
For those that wish to follow a strict calorie-controlled diet there is the Wellness Restaurant, where you can enjoy food that makes no compromises in terms of flavor. Flavors that will
delight even the most demanding of palates.
The Greeneige Lounge, with its warm, homely atmosphere, is the perfect place to relax in total privacy: to sip a nightcap detox Chenot, to read a good book, or to contemplate the
landscape of the Franciacorta on one of its delightful terraces.

LEONEFELICE

Opened in 2014, LeoneFelice is a refined restaurant, with a contemporary décor made of the best Italian design. The Executive Chef Fabio Abbattista proposes a cuisine based on the excellence of ingredients, most of which come directly from the hill where L’Albereta is located: here are bred exquisite chickens and rabbits, while vegetables, aromatic herbs and
fruits are produced by the family vegetable garden and picked up every day by the kitchen team. The cuisine of Fabio Abbattista proposes the childhood flavours, exalting them with
contemporary technique and combinations.
The name of the restaurant is a tribute to the old guardian and gardener, Leone. He has always taken care of this house and garden with love and joy.

VISTALAGO BISTRO’

Welcomed in the most ancient rooms of this XIX villa, with beautiful frescos and Latin motti about the art of hospitality, the VistaLago Bistrò is the vibrant hearth of the hotel. Perfect from the breakfast to the after dinner, it proposes delicious snacks all day long and a special selection of typical Italian and regional dishes for lunch and dinner, such as Tonnarelli pasta with pecorino cheese and black pepper sauce and Milanese veal chop with fresh lettuce. Its amazing terrace seems to float among the green of the park, offering a breath-taking view on the Iseo Lake and Monteisola island.

WELLNESS RESTAURANT HENRI CHENOT

Reserved for guests enjoying treatments at the Espace Chenot Health Wellness SPA, the Wellness Restaurant offers a range of recipes created by Dominque Chenot and perfected by her and a team of experts, designed to offer both balance and flavour.
Following a balanced diet, essential for keeping us healthy as well as in excellent shape, does not necessarily mean making sacrifices, either in terms of aesthetics or flavour. The Wellness Restaurant at L’Albereta is living proof of this.
In this finely furnished dining room, which stretches out with its magnificent bow window among the trees and flowers of L’Albereta park, as if seeking to become at one with the
surrounding nature, guests are seduced every single day by dishes that delight both the eyes and the palate.
Rather than a rule, it therefore becomes a pleasure following the personalized diet drawn up by expert dieticians, an essential adjunct to Henri Chenot’s treatments.

GREENEIGE LOUNGE

The Greeneige Lounge is an authentic lounge, intimate and warm, to be enjoyed at all times of day, for relaxing on the cushy sofas and tasting a cup of the best detox infusions by Henri Chenot.
The Greeneige Lounge is an invitation to slow down and enjoy little moments of pleasure.
Neutral shades, from beige to antique pink; velvety textures, enveloping volumes. Every corner is a little world unto itself, where one can find the perfect atmosphere for a romantic moment for two or a good chat with friends.

A large library where you find all kinds of texts: narratives, poetry, architecture, art and much more besides. A fireplace for the cold winter evenings.
The Greeneige Lounge is surrounded by three romantic terraces, fragrant hanging gardens that look out onto the charming landscape of Franciacorta.

LA FILIALE

In March 2017, Franco Pepe inaugurated the last, incredible dining experience inside L’Albereta’s park: the kiosk La Filiale, where fine wines accompany a menu entirely dedicated to pizza.
Divided over two floors, the venue immediately transmit the desire to bond with the surrounding nature, as stone, wood and marble are the main materials used for interiors.
The bar counter overlooking the kitchen at the entrance allows clients to enjoy an aperitif with pizza tastings, cocktails, beer and a wide selection of both Franciacorta and Italian wines.
From the ‘Margherita sbagliata’ to the fried pizza, the alliance of two big names such as Franco Pepe and Chef Fabio Abbattista, leads to great surprises such as the creation of the ‘pizza Curtefranca’, which is topped with the Slow Food fatulì cheese, a typical Val Camonica product, already used in the Chef’s cuisine and, for the first time, a tasty protagonist of the pizza world.

WELLBEING

ESPACE CHENOT HEALTH WELLNESS SPA

Opened in the spring of 2003, Espace Chenot came into being as a result of Carmen Moretti de Rosa’s desire to provide L’Albereta with a space where guests could focus on revitalising body and mind, in accordance with a strict methodology rooted in the principles of medicine.
At the time, all sorts of health centres were cropping up in all types of hotel, offering treatments based on various different techniques and theories. There was therefore no singular philosophy or method, with a solid medical grounding, behind the multiple treatments being offered.
Every choice made by Carmen Moretti, every little detail that goes towards defining the identity of L’Albereta, has been driven by her quest for excellence. The way she succeeded in convincing the father of modern Italian cuisine to run the Relais restaurant further underlined how only the best that the international world of wellbeing has to offer will do for her.

This led to the partnership with Henri Chenot, the man who developed biontology and phytocosmetics. Internationally renowned interpreter of a holistic concept of wellbeing, Henri Chenot combines the principles of Chinese medicine with the most advanced technologies of Western medicine.
The biontology defined by Chenot is based on an overall vision of the man-machine, and aims to create a balance between the mind, the subconscious and the physical body, minimising the problems and the signs of aging, stress, tiredness, those caused by being overweight, organic intoxication, and all of their consequences, such as cardio-circulatory problems, skin diseases, hypertension, sleep problems, digestive and sexual problems, anxiety and depression.
A scientific discipline based on an understanding of the evolution of the vital resources of the human organism at different times of life, biontology finally represents a complete approach that aims to restore the psycho-physical balance of each person, returning their healthiness, energy and vitality. “Focusing on the body without paying attention to the mind is a grave mistake and can result in an irreversible imbalance” – asserts Chamot – “The harmony of the two has a major impact on the equilibrium of our lives. Only this harmony enables us to avoid all the problems of aging.”

Architecture of light and water

The same quest for harmony which, in this case, would comprise a balance between full and empty spaces, between well-lit spaces, banks of shadow and areas of water. This was the request that Carmen Moretti de Rosa made to Ettore Mocchetti, architect and director of AD Italia, when entrusting him with the job of designing Espace Chenot.
The importance afforded to this place of absolute wellbeing was immediate, its development coinciding with the construction of a new area of L’Albereta: the Torre del Lago.
Inspired by a principle of total respect for the landscape and its natural light, Mocchetti & partners developed a 2.000 sqm space, divided into two main areas and two levels.
Espace Chenot opens up with a welcome area, distinctive for its soft architectural volumes and curved and enveloping lines, which invite guests to relax and forget all their worries and cares.
Peace reigns supreme here. Surrounding this area, protecting it, are more essential volumes, geometric, cleaner lines that perfectly mirror their function: in fact, here medical studies
alternate with areas designated for energy tests and dietary evaluations.
Creating perfect symmetry with the reception is a second area comprising a form of tea room.
Bathed in natural light thanks to the zenith skylight that dominates it, it stretches out into the park with booths for treatments carried out by the skilled hands of the therapists: a
combination of maximum privacy and direct contact with nature to maximise the benefits of the therapies.
Glass, steel, and sources of light caress and dull corners, and pathways gently follow the contours of the walls. The aggressive hints, the striking interruptions become increasingly rare.
Yin and Yang become one again in a radiant, rounded and perfectly balanced equilibrium: rocks smoothed by the lake and river water, the rough, telluric force of local stone, the abstract handwriting of the succulent plants read by a solid and extremely clear light in geographical niches. Very little furnishing, very comfortable sofa and chairs, almost all of which customised, with the exception of rare, sublimated Oriental touches such as the stereometric Chinese console tables.
The ground floor area, which is directly accessible from the park – home to a number of large contemporary art sculptures – and that opens out onto the green grass, is, meanwhile,
dedicated to water treatments and the aqua-fitness area.

A zone comprising sauna, Turkish bath with aromatherapy is located alongside a large, well-equipped gym with cutting-edge Technogym equipment and a charming bow window that offers a view of the surrounding nature: a run on the treadmill thus becomes a training session among the hollies and cypresses of the park.
A reserved area, circular and enveloping in form, is the kingdom of hydrotherapy, mud therapy treatments and hydrojets. The area is dominated by a huge swimming pool with counterflow swimming function and various kinds of whirlpools. The natural teak floor, reminiscent of the deck of a sailing ship and slightly sloping, seems to become thinner, to defy the inflexible force of gravity and dissolve into the comforting surface of the water. A centripetal motion, fluid and energetic, outlines and characterises the entire spatial arrangement of the architecture. The chosen style combines Zen atmospheres with sophisticated 1930’s nautical geometries.
Brushed steel for light functional elements that recall certain solutions put forth by rationalism and the Bauhaus, as well as the ineffable proto-modern technological luxury of the great transatlantic liners of the decade prior to the Second World War. ‘Salus per aquam’ went an ancient Latin expression. And the water is truly triumphant here: dynamic and scintillating, it forms a cascade of liquid walls, elegantly interacting with the pure light that bursts forth unchallenged from the large windows, destroying the caesura between internal and external.
Metaphysical and invigorating, solid even, the light penetrates from the skylight built into the roof to capture its energetic essence. Water and light, that most essential of pairings; the
mystery revealed, soft and vibrant flashes of light, relaxing concentric reflections, a magic, irreducible circle that expands.

HENRI CHENOT METHOD

The Espace Chenot Health Wellness SPA at L’Albereta is a place of absolute wellbeing, where you can pamper yourself thoroughly. Even in its architecture, featuring a balance of full and empty spaces, with light and shade and water games, the Espace Chenot expresses the same search for harmony that animates its raison d’être.
Henri Chenot has developed a unique method resulting from over forty years in the business.
Treatments designed to restore the body to its peak mental and physical wellbeing, using exclusive techniques for detoxinating and reactivating the energy channels and organic functions, tailored to meet the needs of each individual client.
This exclusive method is based on biontology, a scientific discipline that combines the principles of Chinese medicine and the more evolved techniques used in western medicine,
which requires an understanding of how the vital resources of the human body evolve at various stages of life.

Why at the Espace Chenot Health Wellness SPA

There are many states of bad mental and physical health for which a period of treatment is recommended in order to help the person regain health and get back to maximum energy.

Overweight

Starting to slim down
Overweight from type 2 diabetes
Overweight and resulting circulatory and heart problems

Overweight and resulting bone pains
Stress
Heart, brain and vascular disorders
Hypertension
Sexual disorders
Sleep disorders
Digestive disorders
Anxiety and depression
Muscle disorders (periarthritis, lumbago, cervical pain)
Skin complaints
Anti Age
Regeneration of the body
Prevention of physical and connective disorders
Prevention of premature aging
Revitalisation
Health & Prevention
Improvement of general wellbeing
Optimise mental and physical energy
Diet, the key to wellbeing

Following a correct diet is key to the Chenot method. An essential complement to the treatment program, the diet has the extremely important role of moving toxins from their location, cleansing tissues and enabling the liver to carry out its natural purifying function. Also customized for each guest, the diet is almost exclusively based on foods of vegetable origin, devoid of salt and saturated fats, rich in fruit and vegetable juices and fresh vegetables to provide a full complement of vitamins and mineral salts.
Two kinds of diet are proposed as part of the treatment course: the detox diet for 7 or 14-day treatments, designed to perfectly cleanse the body, is a “hypotoxic” detoxifying and cleansing diet that sets a day of fasting on day three of the program; the biolight diet,
meanwhile, is made up of healthy, light and tasty foods prepared both naturally and using innovative cooking methods to preserve their nutritional properties. Perfectly balanced in
terms of nutrition and calorie distribution, this diet is designed for 3 and 4-day treatments.

Both diet programs comprise dishes that delight the eyes and the palate, expertly prepared with the dietary criteria laid down by Dominique Chenot.
As regards nutrition, the important guidelines to be followed after the treatment program are defined by the impedance test, an analysis that determines the body’s composition in terms of
fat and fat-free mass, body water and the basal metabolic rate, as well as a key tool for calculating every individual’s energy/nutritional requirements.
This test, in combination with personalized dietary consultancy, will enable the team of dieticians to provide each individual with a personalized diet to be followed at the end of the treatment, in order to maximize and maintain over time the cleansing and benefits brought about during the program.

KEY ELEMENTS OF HENRI CHENOT PROGRAMS
DIET

The detox menu proposed by Espace Chenot, the result of decades of experience, is designed to induce deep purification of the tissues and is based on natural food of mainly vegetable
origin, with reduced gluten content and a hypoallergenic effect that restores the balance of body functions. The biolight menu features wholesome, well-balanced food prepared using healthy methods that preserve the nutritional properties and are served in “wellbeing portions”.

CHECK-UPS AND ANALYSES

The treatment regime is constantly monitored by the medical team at Espace Chenot, who make a careful assessment of the state of health of each guest on arrival, which involves the
following: Assessment of the degree of toxicemia

A questionnaire and a specific medical examination determine the degree of intoxination of the body, the main cause of overweight and numerous other disorders and diseases.
Assessment of body composition The subject’s physical structure is examined in terms of lean and fat body mass, body water and basal metabolism, allowing the team to develop a personal diet regime to follow after treatment.

Bio-energy check-up

Specific instruments are used to determine the efficiency of the body’s vital functions and energy flows along the channels which, according to the principles of Chinese medicine,
traverse the body.
Assessment of the degree of oxidative stress Oxidative stress measures the imbalance between the production of free radicals and the body’s anti-oxidative defences. The high degree of cellular stress due to free radicals is one of the factors that cause organic intoxication and rapid body ageing.
In the presence of certain disorders, the medical team at the Espace Chenot proceeds according to the principles of functional medicine, which considers not only the disorder itself, but also the general picture that may determine it.

ENERGETIC TREATMENTS

Energetic treatment

Sophisticated equipment is used to measure and locate bioelectric variations to the skin at specific points. These points are then stimulated to reinforce the body and restore its natural
balance.

Hydro-energetic therapy

The purpose is to re-establish correct fluid circulation in the body. The treatment takes place in three stages:

Hydro-aromatherapy

A special hydro-massage technique with the addition of essential oils and mother tinctures.
Changes in water temperature and pressure as well as the action of plant extracts have a beneficial effect on capillary vasodilation and vasoconstriction.
Benefits: provides a fundamental benefit for capillary vessels and peripheral blood circulation.
Draining and detoxinating effect. Helps eliminate toxins and fats deposited in the tissues.
Stimulating and tonifying effect, reinforcing the natural physiological functions, combating and protecting against damage caused by ageing.
Phyto-mud therapy The soft, pleasant-feeling mud packs are enriched with pure micro-algae, white or green clay, pure essential oils and mother tinctures.
Benefits: Draining and detoxinating, stimulating and revitalizing. Eliminates stress as well as mental and physical tension in the nerves and muscles.

Hydrojet

During this third and last stage of the treatment, a jet of water is directed onto specific parts of the body to restore energy and vitality.
Benefits: tones and firms up the body.

Energetic tendon-muscle massage

Performed by hand and using special instruments capable of releasing energy blocks, this method acts on the tissues of muscles and tendons, tonifying and regenerating them.
Benefits: draining and detoxinating action. Revitalizing. Stimulating and regenerating. Energizing.

HEALTHCARE AND WELLBEING PROGRAMMES

After more than a decade of international success in the field of health, wellness and beauty, the Espace Chenot at L’Albereta, has introduced new programmes and services that promote
health, vitality and equilibrium within the body and mind.
Introducing new state-of-the-art diagnostics, we adopt a multidisciplinary approach to our work. We focus on a holistic and systemic screening method that aims to identify the current
level of health and its potential within each individual.

In a completely redesigned setting, our guests can experience powerful, effective and personalized treatments that enable the body and mind to reach their optimum level, achieving
an enduring long lasting effect whilst promoting optimal health, wellness and beauty.

DAY SPA

The Espace Chenot has come up with a selection of day spa offers for those who lack the time to get away for several days or who feel the need to escape from the frenetic pace of daily life and relax in total wellbeing. Each programme features a series of individualized treatments covering a whole day, the purpose being to purify, prepare, revitalize and regenerate the body as a whole.
Treat yourself to a whole day devoted entirely to pampering yourself. The team of experts at Espace Chenot will show you how, in a single day, you can rediscover the pleasure of renewed mental and physical equilibrium with a carefree mind and stress-free body.
A break providing intense wellbeing and sublime pleasure. Purified and remodelled, your body will be resplendent, as will your soul, delighted to have rediscovered itself and reflecting pure joy.

TREATMENTS AT ESPACE CHENOT HEALTH WELLNESS SPA

Espace Chenot offers a full selection of specific high-tech treatments designed to solve a wide range of aesthetic problems and disorders. They are combined according to the specific
requirements of each individual, with constant advice from and supervision by the medical staff.
Guide to the treatments per department:
Medical Department
Human Performance Department
Hydro-Biontology Department
Aesthetic Biontology Department
Aesthetic Medicine Department
Traditional Aesthetic Department

SPORT & FITNESS DEPARTMENT
Energy, Fitness, Vitality: the Espace Chenot offers you an opportunity to unwind and exercise in top quality facilities with swimming pools, tennis courts and fitness centre.
In addition to the full range of facilities, coaches are present at all times to design your personalised programme based on your needs to achieve the optimum level of physical fitness.
The fitness centre is fully equipped with the state-of-the-art equipment from Techno-Gym.

Indoor Activities: Personal training, Yoga, Pilates, Water-gym, Functional training

Outdoor Activities: TRX, Nordic walking, Jogging, Mountain biking, Tennis

NEW CUTTING EDGE TREATMENTS
The Espace Chenot Health Wellness SPA of L’Albereta introduced newest arrival in the Aesthetic Medicine

Department:

Cryolipolysis

The Cryolipolysis is an innovative non-invasive treatment, that allows you to permanently reduce body fat without surgery, of course, maintaining a healthy lifestyle and proper nutrition.
With only one Cryolipolysis session, you get results almost overlapped the old liposuction and you can then do other sessions for particular areas.
Thanks to the controlled freezing of the adipose tissue led to a temperature close to 0 ° C for a period of 45 minutes, you obtain the self-elimination of fat cells, that will be reabsorbed in a natural and progressive way in the following weeks. The most effective results are achieved in the areas of the body with a biggest amount of fat, with an average reduction of 22-25% per
session and all areas of the body can be treated.
During the session the patient can work on his laptop or read a book and it can be done in any season. After the treatment, the patient can immediately return to his daily life.

Photobiomodulation LED

Multi-colored LED light therapy for a sweet treatment to rejuvenate, slim, tone and purify all types and colors of skin.
By synergy of different wavelengths (red, yellow, green, orange, blue) with specific products, the skin of face becomes softer and smoother, with a reduction of fine lines, wrinkles, hyper-pigmentation and dark spots with an improvement of capillary fragility.

The body is reshaped and toned with an adjuvant effect in the reduction of cellulite and fat.
The treatment nourishes and oxygenates the scalp with a rebalancing activity on oily, impure and acne skin.
The skin does not receive any thermal trauma, without pain and side effects.

Electroporation

Electroporation permits the transdermal diffusion of active ingredients contained in the products associated allowing a reduction of the wrinkles of the face, neck, décolleté and hands,
the improvement of the blemishes of cellulite, the correction of skin laxity of the inner arms, inner thighs and abdomen, the remodeling of stretch marks and scars and the toning of breast
and gluteus .
The treatment, not invasive and painless, produces immediate and obvious results with a more toned and hydrated appearance, giving to face and body a younger and fresh aspect from the
first session.

Ultherapy®

Non-surgical lifting Ultherapy

Ultherapy® is the first and only FDA-approved lifting that uses time-tested ultrasound energy to lift and tighten the skin naturally without surgery, helping you achieve a fresher, more
youthful look from your brow to your chest!
Ultherapy® is an option for who has mild to moderate skin laxity where the skin begins to look less firm or tight, on face, neck and chest. The treatment is personalized depending by the
area, the depth and the specific intensity. The Ultherapy® protocol provides, normally after the first medical examination, a single treatment session lasting 30-90 minutes. A special
ultrasound probe slides on the face with the aid of a small amount of gel. The discomfort is moderate and after the session you can return to your normal daily activities.
The Ultherapy® procedure delivers focused ultrasound energy at precise depths and temperatures to initiate neocollagenesis, but without disrupting the surface of the skin. This energy jump-starts the collagen building process to replace old, aging collagen with fresh, new collagen.
The safety and efficacy of Ultherapy® have been established through clinical studies and over 680,000 treatments performed worldwide. Ultherapy® is FDA-cleared to lift the skin on the
neck, under the chin, and on the brow, as well as to improve the appearance of lines and wrinkles on the décolleté. Ultherapy® has also received the European CE mark for non-invasive dermatological sculpting and lifting of the upper face, lower face, neck and décolleté.

Ultherapy® can only be done in authorized medical centers displaying the certificate of authenticity.
Ultherapy® is a great option especially for those not ready for surgery or invasive treatments, moreover Ultherapy® can also be an excellent option to extend the effects of cosmetic
surgery or to act synergistically with other aesthetic medicine treatments such as fillers, botox, peels. The Ultherapy® protocol is possible during the whole year and on any skin type because ultrasound arrive exclusively to the chosen points in depth, without affecting in any way the skin surface.

PARK

Walking among the trees: the Sculpture Park, an open-air museum “….Clouds galloping across the restless clouds,
like a soul perturbed by far-off cries”

Anna Cavalleri Piazzoni

Before being a hotel, L’Albereta was a private home belonging to lawyer Giovanni Cavalleri, who had it built at the end of the 19th century on the top of a hill that he subsequently
christened “Bellavista”, in light of the magnificent view that the villa’s tower afforded over the surrounding countryside. The true lady of the house was Cavalleri’s wife Donna Anna, who
cultivated her love for music and art here by developing a genuine “Music Room” with two pianos, an organ, a flute, mandolins and accordions. Beethoven and Chopin were her favourite composers, and she also loved poetry, leaving original little works inspired by this and other places she visited. Her love of travelling brought her into contact with artists from all over the world, many of whom stayed in the residence. These included famous pianist Arturo Benedetti Michelangeli and painter Gerolamo Calca, whose memory lives on in his frescoes.
In fact, all these memories have been kept alive by the Moretti family, who were keen to become heirs and contemporary interpreters of Donna Anna’s patronage through continuous
promotion of the territory and protection of its artistic heritage. As well as the cultural activities promoted by its companies, most notably the Bellavista Franciacorta journalism award founded by Gianni Brera, the Terra Moretti Group has also funded the restoration of the Erbusco parish church in order to return it to the community in all its evocative beauty.
Built in the 12th century, the age-old Parish Church of Santa Maria Maggiore is a true medieval gem, replete with 15th and 16th century frescoes and sculptures. Roman-Gothic in terms of its architectural style, it is one of the most remarkable buildings of its kind in Lombardy.
The most important by-product of this policy of patronising the arts is without doubt the Parco delle Sculture di Franciacorta, a genuine open-air museum where thirteen contemporary art sculptures wind their way across 61,000 hectares of parkland, from L’Albereta to the nearby Bellavista and Contadi Castaldi wineries, in an intriguing dialogue with nature.
The park was created following the International Third Millennium Sculpture Award organised by the Terra Moretti Group and sponsored by the Ministry of Heritage. Symbolising
hope and belief in the future, the prize aimed to mark this momentous changeover by spotlighting talented young artists. With sculpture chosen as the art form that most strongly
embodies the synthesis between the thought and the work of man, young sculptors from all over the world were given the chance to see one of their large-scale works produced, projects
that expressed the spirit and sense of beginning of the new Millennium. Numerous sketches were presented to the jury presided over by Prof. Paul Restany and made up of a number of famous names from the world of art and culture: Mario Botta, Luciano Caramel, Giuseppe Chigiotti, Sandra Deighton, Gino di Maggio, Enzo Di Martino, Fiorenza Mursia, Father
Costantino Ruggeri, Angela Vettese, Vittorio Moretti.
The jury selected ten winners – given prize money totalling 53,000 euro – from the 1000 or so projects proposed, whose creations were then produced by the Award association.
Permanently installed on Terra Moretti land, the effect of the sculptures has been to design, through art and imagination, a landscape already sculpted by the senses, by reason and work.
The ten winning projects of the Terra Moretti Sculpture Award thus represent an important artistic treasure donated for good to the Franciacorta territory, as well as a tribute to the creativity and freedom of man, who is able to transform nature and space with his talent, technique and imagination.
The jury awarded the first prize to “Fiori di pietra” by Lecce’s Salvatore Sava, second place to Japanese Maki Nakamura’s “My Inside”, and third place to “La casa orizzontale” by Giorgio Spiller of the Veneto.

The other works that made it to the final, recognised with ex aequo awards, were: “Porte del Pensiero” by Simon Benetton of the Veneto, “Piccolo Mausoleo all’uomo” by Mario Costantini
of Abruzzo, “ChromOculus” by American Ray King, “Dodici Angeli” by Pole Dorata Koziara, “Eco” by Parma’s Giancarlo Marchese, “Memore-illusion” by France’s Nissim Merkado, and “Mater Amabilis” by Giuseppe Rivadossi of Brescia.
The sculptures that won the Third Millennium Sculpture Award were also joined in the park by the sculptures “Afrodite” and “Polifonia” by Ilmi Kasemi and “La Bagnante” by Giuseppe
Bergomi.

A special garden: Vigna Leone

“The roots submerged in the soil, the branches that protect the squirrels at play, the streams and the twittering birds;
the shade for animals and men; head pointed up at the sky.
Do you know a wiser and more foreboding way of existence than good deeds?”
Margherite Yourcenar – Written in a garden The Vigna Leone deserves a chapter all of its own in the history of L’Albereta. With around a hectare of vines planted over twenty years ago, it extends into the heart of the large garden in which the country home is located. Many rooms look out onto this “simple garden” where what counts, more so than the plants, is the design that defines it. And the profile one makes out is that of a joyous place that exudes tranquility and encourages meditation. The name of this vineyard, LEONE, is homage to the old gardener who worked here his entire life, designing and redesigning the profile of the park with his ornate flowerbeds and unexpected areas of shade behind the hedges. People talk of his incredible expertise, which continues to live on in the tree species that spring up every season. The name of the vineyard is shared by that of its wine: a pure chardonnay of rare elegance whose notes evoke the aromas and suggestive atmosphere of the place. It can only be tasted in the hotel bar or restaurant, and
purchases are limited exclusively to the La Bottega di Mariella boutique. Not found anywhere else, it is the most authentic of L’Albereta souvenirs.

MEETING & EVENTS

With its elegant interiors and the suggestive corners of its park, L’Albereta can offer meetings and conferences with a difference, combining efficiency, style and wellbeing. Here instead of austere convention rooms, there are extremely stylish and comfortable spaces immersed among the verdant nature, designed to be functional and, above all, pleasant.
L’Albereta has different modular rooms, distinctive for their tasteful décor and equipped with cutting-edge equipment and Wi-Fi cabling, that hold up to 290 guests.
With its capacity of 290 people, the spacious Sala delle Feste was designed to guarantee maximum privacy and complete comfort, specifically conceived for business meetings and
receptions in great style. It is further embellished with its private access area, complete with charming garden and welcoming foyer, encompassing a bar, lounge and cloakroom.

Thanks to a movable wall, the Sala delle Feste can also be divided into three separate, self-contained spaces: Sala Dehor, Sala del Cielo and Sala delle Erbe.

The skylight from which the impressive Venetian chandelier hangs hides a little secret: in reality it is nothing more than the base of a large fountain, light filtering through its water to create a particularly pleasant mood in the room below.
Sala della Musica is an authentic drawing room, comfortable and extremely private, that can host up to 35 guests. The fireplace, the large sofas, and the possibility of having a grand piano make this the most elegant and exclusive of settings. The warmth of the room, added to by a white-beamed ceiling, is mirrored by the adjoining terrace: a little evergreen garden where cocktail evenings and coffee breaks can be held as guests admire the splendid vista over the Franciacorta countryside.
Sala Biliardo, so-called because it hosts a fantastic billiard table, this luminous and private room is dominated by neutral tones, which instill calm and concentration. The perfect setting for workshops and little presentations, it is located alongside the Greeneige Lounge and the Sala della Musica. It is ideal for meetings of up to 12 people and faces a charming terrace which
bathes it in pleasant and invigorating natural light.
L’Albereta is the perfect setting for business meetings and exclusive events, also because of the additional activities and experiences it offers: from the gourmet restaurant LEONEFELICE, that finds a perfect complement in the VISTALAGO Bistrò and its stunning terrace over the lake Iseo ; to the exclusive wellness & medical SPA, the Espace Chenot Health Wellness Spa, where you can enjoy special ‘remise-en-forme’ treatments tailored to your specific requirements.
Alternatively, you can simply enjoy one of the SPA’s numerous facilities or activities: the swimming-pool with 4 types of hydromassage, pool treadmill and hydrobike, sauna and Turkish
bath, fully-equipped gym and personal trainers.
The numerous services offered by L’Albereta offer a wide range of possibilities for those that wish to organise lively and fun team-building activities. But the opportunities are not confined
to the hotel itself. Art lovers can treat themselves to a visit of the Sculpture Park, an open-air trail of modern art consisting of ten sculptures that winds through the vineyard-clad hills
around the hotel as far as the Bellavista and Contadi Castaldi wineries. At these cellars, owned by the Moretti Group and located just a stone’s throw from L’Albereta, it is possible to
organise tastings, guided tours and full-immersion courses, held by expert oenologists, for learning more about wine.
Golfers will be spoilt for choice with numerous high-profile courses in the vicinity of L’Albereta, some of which offering 27-hole rounds.
And that’s not all: Franciacorta offers a vast choice of all kinds of activity.
From excursions in the nature reserves of Torbiere del Sebino, one of the most important bird-watching paradises, to cruises in a private boat to Montisola, the largest lake island in Europe. For the more sporty, Lake Iseo is a mine of opportunity, offering panoramic mountain bike trails, sailing, windsurfing, waterskiing and rowing. In the hills that surround the lake,
meanwhile, there are plenty of riding schools offering horse lovers numerous stunning horse riding paths.

IL TERRITORIO: LA FRANCIACORTA

Serpeggiante ondata di verdi colline che dal Lago di Iseo scendono sino alla piana del fiume Oglio, la Franciacorta è un’isola verde, lontana dalle solite rotte, che dista soli 20 Km da Brescia e Bergamo, 60 Km da Milano e poco più di 100 da Verona e Mantova. Soleggiato anfiteatro morenico, la Franciacorta offre un suggestivo scenario naturale che racchiude torri, castelli, palazzi e ville patrizie, pievi, santuari e abbazie, nelle cui pietre si legge l’affascinante storia di questa terra di passaggio tra le vallate alpine e la pianura padana. Terra agricola, di lunga tradizione storica. Nonostante ci siano varie ipotesi sull’origine del nome Franciacorta, la più convincente e accreditata ritiene che il nome derivi da “francae curtes”, piccole comunità medioevali di monaci benedettini che ottennero l’affrancamento da dazi e gabelle in cambio del
loro impegno ad insegnare alle popolazioni autoctone la coltivazione della vite.
Questi stessi confini delimitano oggi la zona di produzione “Franciacorta” che dà il proprio nome alle rinomate bollicine prodotte con il metodo classico della lenta rifermentazione in
bottiglia e con la totale elaborazione solo nella zona di produzione delle uve, che devono essere esclusivamente Chardonnay e/o Pinot bianco e/o Pinot nero. Stiamo parlando del Franciacorta DOCG, il re delle bollicine italiane e non solo; primo e unico brut italiano a fermentazione in bottiglia ad aver ottenuto questo riconoscimento. Ma non di sole bollicine è
fatta la Franciacorta.
Contemporaneamente al Franciacorta DOCG, nel 1995 viene riconosciuta la DOC Terre di Franciacorta ai vini tranquilli bianchi e rossi. Non a caso, dunque, uno dei modi migliori per
dedicarsi alla scoperta di questo territorio è proprio quello di andar per cantine: molte sono ospitate all’interno di antiche ville e palazzi e conservano, anzi esaltano, il fascino del tempo.
Altre, più recenti, sono perfettamente inserite nel paesaggio naturale e, circondate da vigne e giardini, si fondono con esso.
Perfetti esempi, sono le cantine del gruppo Terra Moretti: Bellavista e Contadi Castaldi. La prima, nata nel 1977, è situata sulla omonima collina, un poggio verde che rappresenta un
punto di vista privilegiato per godere di un panorama unico; qui l’orizzonte si apre e la vista spazia sul parco secolare, sui boschi circostanti e sui vigneti, sino ad abbracciare il vicino Monte Orfano, l’arco delle Alpi e il lago di Iseo.
La seconda, Contadi Castaldi, aperta nel 1987, occupa le strutture dell’antica fornace Biasca di Adro, un suggestivo edificio del 1880 trasformato, secondo le più moderne tecniche di conservazione, in luogo ideale per l’affinamento dei vini Franciacorta, perché i lunghi cunicoli ad arco, separati da spesse mura, mantengono la temperatura e l’umidità a un livello ottimale.
Questa vocazione per il vino farebbe pensare che in Franciacorta la natura sia rappresentata solo dai vigneti. Non è affatto così: essi si alternano a ulivi, orti, prati, boschi, e disegnano un acquarello, che va scoperto con lentezza, prendendosi il giusto tempo per assaporare ciò che si cela dietro a ogni borgo, al di là di ogni collina.
Una natura favorita da un clima dolce, temperato e ottimamente ventilato. Non a caso, la Franciacorta era già nei secoli scorsi il luogo che la nobiltà bresciana e bergamasca aveva scelto
per costruirvi le proprie residenze di campagna, nelle quali trascorrere i lunghi periodi di villeggiatura. E’ per questo motivo che, ancora oggi, le sue colline sono intervallate dalla
presenza di meravigliose ville, circondate da scenografici giardini e parchi secolari.

Un’altra presenza fondamentale di questo territorio è legata alle corti monastiche che qui avevano, già prima del Mille, importanti possedimenti. Le loro tracce rimangono non solo nella presenza di numerose pievi, conventi, abbazie – alcune tra le più importanti d’Italia – ma anche nei valori che qui vigono: il rispetto dei ritmi e degli spazi della natura, la fiducia del saper fare artigianale, il piacere della condivisione, la ricerca di uno status di pace, armonia tra spirito e corpo.
Un ruolo importante nell’allietare l’immanente è svolto, oltre che dal vino, dalla gastronomia.
La Franciacorta è costellata di ottimi ristoranti, ma anche di imperdibili osterie e trattorie che sanno proporre piatti di alta qualità, mantenendo al contempo un tratto di sapida semplicità,
con poche proposte tipiche, legate alla produzione locale. La tradizione della cucina franciacortina si esprime su due filoni: quello dell’entroterra contadino e quello lacustre legato
alla pesca, esercitata sul vicino lago di Iseo. Il piatto cardine che fa da trait d’union tra queste espressioni culinarie è rappresentato dalla polenta, perfetta compagna sia per il pesce di lago – tinca, coregone e persico in primis – sia per la carne della tradizione contadina, maiale e manzo.
Tinca ripiena al forno con polenta e manzo all’olio sono le espressioni principe di questi due scenari gastronomici, l’uno legato al vivace e imprevedibile mondo dell’acqua e l’altro ai solidi valori della terra.

LA HOLDING TERRA MORETTI

Nel 1996, un’idea che prendeva forma riceve un nome e, appena nominata, esiste, comunica se stessa. Terra Moretti indica, innanzitutto, un luogo, legato a una famiglia della Franciacorta, a una storia diventate tante. È territorio e sogni di chi l’ha pensata, il risultato di uno sforzo quotidiano di immaginazione e di tenacia.
Terra, però, non suggerisce solo il posto delle radici, che coincidono con la collina di Bellavista, una delle prime sopra Erbusco, ma un desiderio di orizzonte, di respiro. Amata terra, madre, vasta abbastanza da contenere la possibilità di andare e tornare, seminando idee, trovando altri luoghi, altre imprese. Accompagnati dalla curiosità di migliori incontri, di persone diverse, capaci però di diventare immediatamente familiari, appena risulti chiara un’affinità di sguardi.
Qui è la condizione indispensabile per sentirsi felici anche altrove.
Vittorio Moretti lo ha affermato nei fatti, dando alla voglia di fare una prospettiva che non dimentica mai il suo punto di partenza. Cercare l’unicità significa porre sullo stesso piano la
capacità progettuale e il rispetto della tradizione, trasformando ciò che già esiste, avendone visto o addirittura sorpreso il suo reale valore.
Per questi motivi, Terra Moretti riunisce in sé luoghi, servizi e prodotti dove ciò che è buono e utile s’apparenta con un desiderio di bellezza, di durata, in cui la qualità diventa al tempo stesso strumento e fine, azione quotidiana.
Alla Holding Terra Moretti fanno capo 11 aziende che operano in quattro settori di attività distinti e complementari:

le costruzioni: Moretti Industria delle Costruzioni con le sue controllate Moretti Prefabbricati, Moretti Interholz, Moretti Contract e Moretti Real Estate i cantieri nautici: Maxi Dolphin le cantine: Bellavista, Contadi Castaldi, Petra, Tenuta La Badiola TerraMorettiResorts: L’Albereta, L’Andana e Casa Badiola Tuscan Inn

Un organismo complesso che coinvolge persone organizzate e motivate per dare il meglio di sé, raggiungendo con il proprio lavoro quella sicurezza e quella soddisfazione che rappresentano l’unica misura certa del successo personale e aziendale.
Senso di responsabilità, spirito d’iniziativa, convinzione sono i valori condivisi, l’energia necessaria per trovare le soluzioni migliori, per innovare e rinnovarsi costantemente.

CARMEN MORETTI DE ROSA

Carmen Moretti, classe ‘68, lavora dai primi anni novanta nel gruppo fondato dal padre Vittorio Moretti a Erbusco, in Franciacorta (BS). La sua crescita professionale è avvenuta in
parallelo con lo sviluppo dell’impresa di famiglia, oggi modernamente organizzata in una holding, denominata Terra Moretti, alla quale fanno capo 11 imprese, concentrate in 3
principali settori di attività: l’edilizia industriale, le aziende vitivinicole e gli hotel di categoria extra-lusso. Nell’attuale configurazione del gruppo, Carmen Moretti ricopre oggi le seguenti cariche:
amministratore delegato della divisione alberghiera della Holding Terra Moretti,TerraMorettiResorts, rappresentata dagli hotel L’Albereta, L’Andana e Casa Badiola; responsabile delle strategie di comunicazione della Holding Terra Moretti;
vicepresidente della Holding Terra Moretti.
Ognuno di questi incarichi giunge a compimento di un lungo periodo di formazione, intrapreso dopo la maturità linguistica e un Master in “Marketing e gestione aziendale” presso l’Ipsoa di
Milano.

Terminati gli studi, Carmen Moretti affianca per due anni l’amministratore delegato della sub-holding attiva nell’edilizia industriale, Moretti Industria delle Costruzioni. In questo periodo di formazione, entra in contatto con tutti i settori dell’attività edilizia, ma in particolare con il settore finanziario e amministrativo, seguendo lo sviluppo dell’attività immobiliare che nel frattempo andava costituendo una divisione per lo sviluppo di attività nel settore alberghiero e
turistico.
A partire dalla seconda metà degli anni ‘70, il padre Vittorio Moretti aveva infatti intrapreso un’importante e coraggiosa attività di valorizzazione del territorio di Franciacorta, fondando il primo progetto enologico, la cantina Bellavista, nata nel 1977 e oggi, dopo 30 anni, al vertice della produzione enologica mondiale, e costruendo intorno al progetto vinicolo una serie di attività turistico–alberghiere finalizzate a richiamare in Franciacorta un turismo elitario, capace
di apprezzare le risorse paesaggistiche e culturali di un territorio vocato per tradizione a una viticoltura di eccellenza. Nasce nel 1985 il Golf Club di Franciacorta e l’anno successivo un
piccolo club privato per amanti della cucina si trasforma nell’attuale ristorante “Mongolfiera dei Sodi”. Lo sviluppo di queste nuove attività era ormai confluito in una nuova divisione che acquisiva sempre più i contorni di una vera e propria area di business che si sarebbe rivelata strategica per la crescita di tutto il gruppo. Così Carmen Moretti si prepara con un ulteriore
periodo di formazione presso alcuni degli hotel più esclusivi, dove apprende direttamente sul campo come si amministra, si gestisce e si promuove un hotel che ambisce a una clientela
internazionale, amante del lusso e della cucina d’autore.
Due persone in particolare le faranno da mentore in questo mondo: il celebre chef Gualtiero Marchesi e Antonio Marson, l’allora direttore dell’hotel Splendido di Portofino, dove Carmen aveva trascorso alcuni mesi di apprendistato. Con loro, nel 1993, aprirà l’hotel L’Albereta, dando avvio in quell’anno a quello che sarà il suo principale impegno per i successivi 10 anni: la gestione delle politiche di sviluppo del settore hotellerie, in sinergia con il potenziale d’attrazione del settore enologico e del territorio. Nel corso di questi dieci anni, L’Albereta è entrata presto a far parte dell’esclusiva catena francese dei Relais & Chateaux e Carmen Moretti, grazie anche alla forza del nome Gualtiero Marchesi, ha internazionalizzato il marchio individuando i migliori partner sui mercati più promettenti per il settore dei consumi di lusso.
Nelle tournée più importanti di Luciano Pavarotti si brindava con i Franciacorta di Bellavista e in ogni città maggiormente strategica per il mercato de L’Albereta veniva organizzata una cena di gala per i clienti dell’hotel, potenziali ed effettivi. Oggi L’Albereta, anche grazie a questa intensa attività di promozione, è una realtà riconosciuta a livello mondiale, avendo anche aumentato il proprio appeal nel 2003 con l’apertura dell’unico secondo centro medicale Henri
Chenot, dopo quello di Merano.
Il successo di questo modello imprenditoriale ha richiamato verso il gruppo l’interesse di partner eccellenti. “Il processo di internazionalizzazione” – spiega Carmen Moretti – “è stato
un passo importante nel quale ha avuto un ruolo primario mio marito, Martino de Rosa. Forte di un’esperienza di brokeraggio navale, ha portato nel nostro gruppo una cultura di impresa
nuova, forse anche più aggressiva della nostra, ma sicuramente vincente. Con lui ho dato vita al progetto della holding di gruppo e a lui abbiamo affidato le strategie e gli start-up. Siamo
riusciti anche a tenere separate la vita privata e quella lavorativa, cercando di dividere i rispettivi ruoli in modo equilibrato”.
Così il celebre chef-manager Alain Ducasse entrò in società con il gruppo Terra Moretti per aprire nel 2004 in Toscana un resort che riproduce in una sola tenuta, un tempo appartenuta al Gran Duca di Toscana, tutti gli elementi che hanno determinato il successo de L’Albereta: un hotel esclusivo, la cucina di un grande chef, il campo da golf, il vino prodotto dalla tenuta e
poco distante, a Suvereto, la cantina d’autore Petra, che Vittorio Moretti ha fatto progettare dall’architetto Mario Botta. Oggi Carmen Moretti è amministratore delegato dei due resort ed
è impegnata nella definizione delle migliori politiche di marketing e comunicazione per la crescita e l’affermazione di un modello turistico che fonda la propria competitività su un valore unico e differenziante quale è il paesaggio e con esso il territorio, la sua cultura e la sua storia.
A partire dal 1997, il percorso di crescita nel settore turistico-alberghiero di Carmen Moretti è proceduto in parallelo al suo impegno nella riorganizzazione del gruppo, voluta da Vittorio
Moretti e intrapresa con la consulenza di Alfredo Ambrosetti. Un cambiamento necessario per garantire la crescita in ogni settore e attraverso il quale le 11 aziende si sono riorganizzate in due sub-holding che fanno capo alla costituita Holding di famiglia Terra Moretti, presieduta da Vittorio Moretti.
L’impronta famigliare è rimasta viva nei valori guida, mentre l’assetto organizzativo ha preso struttura e forma manageriale attraverso il consolidamento dei ruoli dei manager e la
creazione di Comitati di Direzione e gruppi di lavoro, fortemente dedicati alla crescita della competitività dei singoli marchi e in linea con le direttive guida della holding. La gestione del cambiamento è un impegno che il gruppo ha ritenuto fondamentale per una crescita equilibrata di ogni attività consolidata e per mantenere alta la forza competitiva dei marchi.

Carmen, con la sorella Francesca, fa parte del Consiglio di Amministrazione della holding e delle due sub-holding ed è vicepresidente della Holding Terra Moretti. In questo ruolo, affianca il padre nella guida del gruppo ed è inoltre responsabile delle strategie di comunicazione della holding e delle due sub-holding. Un ruolo che la impegna in attività istituzionali, ma nel quale Carmen ha confermato la linea di azione da sempre intrapresa che vede il settore della comunicazione non solo come attività di servizio al marketing, ma, soprattutto quando si tratta del Made in Italy e dell’impresa italiana, come guida al marketing stesso.
Con una propria struttura dedicata alla comunicazione, Carmen Moretti sta oggi dando forma e appeal comunicativo ai valori che hanno guidato sino ad oggi le scelte imprenditoriali di
Vittorio Moretti, nel duplice obiettivo di esplicitare i valori della cultura di impresa condivisa dagli 600 attuali collaboratori e di garantirne la continuità affinché in essa si possano
riconoscere anche le nuove generazioni.

AtCarmen

Carmen Moretti e Martino de Rosa, compagni da tempo nella vita e da ancora più tempo professionalmente, hanno creato AtCarmen, società attiva nel campo della ristorazione,
dell’hôtellerie, del vino, dell’organizzazione di eventi.
AtCarmen è un concentrato di tanti anni di esperienze ed opera nei settori della ristorazione, dell’ospitalità e del vino con l’obiettivo di creare una società che come prima cosa sia in grado di trovare, a livello progettuale, soluzioni adeguate e finalità precise, oltre a, dove necessario, affrontare con efficacia anche la parte pratica e gestionale di tali progetti. AtCarmen è la protagonista nella rivoluzione del food di tutta L’Albereta Relais & Chateaux.

L’OSPITALITA’

L’ALBERETA RELAIS & CHÂTEAUX

Un’antica villa di campagna, un paesaggio d’illuminante bellezza, una culla di benessere assoluto.

La nascita e i suoi protagonisti

Nascosta, quasi a esserne protetta, da una natura seducente, L’Albereta Relais & Châteaux si adagia sulle rotonde sinuosità della collina Bellavista, completamente immersa nel paesaggio suggestivo della Franciacorta.
Dolci colline costellate da ordinati vigneti, antiche torri svettanti a far da baluardo, borghi e castelli medievali, silenziose abbazie, ferventi cantine, palazzi rinascimentali e ville patrizie del XVIII e XIX secolo: la Franciacorta è uno scrigno nel quale passato, presente e futuro si fondono in un’armonia che non conosce dissonanze.
Antica villa padronale dei primi del Novecento, L’Albereta è ora un relais di charme con SPA, di proprietà della famiglia Moretti, da sempre legata a queste terre. Non solo perché qui vi affondano le sue radici, ma soprattutto perché un amore viscerale la avvince ad esse. Alla famiglia di Vittorio Moretti, che a quella antica villa, divenuta oggi L’Albereta, era solito andare in visita accompagnando una vecchia zia, appartiene un’importante realtà imprenditoriale, la Holding Terra Moretti. Solido gruppo cui fanno capo 11 aziende che operano nel settore delle costruzioni, con la Moretti Industria delle Costruzioni; in quello vitivinicolo, con le cantine Bellavista e Contadi Castaldi in Franciacorta, Petra e Tenuta La Badiola in Toscana; in ambito nautico, con il cantiere Maxi Dolphin; e, non da ultimo, nel settore dell’ospitalità con i resort L’Albereta in terra franciacortina e L’Andana nella Maremma Toscana.
Investire, partendo da ciò che offre la terra per dare radici al futuro: questo è lo spirito che ha mosso da sempre Vittorio Moretti, e ora con lui le figlie Carmen e Francesca, nello sviluppo di attività e servizi volti alla valorizzazione del territorio e alla diffusione della cultura che a quel territorio appartiene, sotto il segno della bellezza e della qualità. Così dalle costruzioni al vino, dal vino all’hotellerie lungo l’asse lombardo-toscano, il passo è stato inevitabile.
Vicepresidente del gruppo Terra Moretti e Amministratore Delegato della Divisione TerraMorettiResorts, Carmen Moretti de Rosa è il vero demiurgo de L’Albereta e del suo
successo.

Il sogno di realizzare un luogo dedicato al culto dell’ospite, alla cura del tempo migliore, all’arte di vivere, lo ha coltivato sin da bambina. Viaggiando con i genitori, rimaneva infatti incantata da quelle dimore di charme dove ogni dettaglio la faceva sentire accolta con lo stesso calore e la stessa attenzione speciale che avrebbe trovato a casa di amici: dal décor al servizio, dal paesaggio alla cucina.
Ed è stata proprio la cura per il senso del gusto a condurla fino al Maestro Gualtiero Marchesi, con cui inaugurò il Relais. L’idea gliela lanciò durante una cena nel suo ristorante di Milano in compagnia del padre Vittorio e del comune amico Gianni Brera: la visita alla villa e il fascino sprigionato da questo luogo fecero il resto.
Il Maestro Marchesi ne rimase sedotto e riconobbe ne L’Albereta la perfetta cassa armonica in grado di esaltare le proprie composizioni culinarie. Nacque così un sodalizio durato vent’anni.
L’Albereta aprì i battenti il 23 settembre del 1993 presentando ai propri ospiti le sue prime 9 camere, situate nel corpo della Villa e nella Torre Bellavista.

L’Albereta: da allora in poi.

Le camere

Trascorsi 15 intensi anni, che hanno visto nel 1999 l’ingresso de L’Albereta nell’Associazione Relais & Chateaux, le camere sono oggi 57, di cui 19 suite, l’una diversa dall’altra e ognuna frutto di una sapiente combinazione di amore per il bello e attenzione per il massimo del comfort.
Villa di impianto neorinascimentale, con l’aumento del numero delle camere L’Albereta ha plasmato, ovviamente, anche la sua struttura architettonica. L’Albereta si snoda ora attraverso cinque edifici: l’originale villa padronale con la Torre Bellavista, unita alla più recente Torre Contadi Castaldi attraverso la già esistente Casa Colonica con il suo loggiato, cui si aggiunge la nuova Torre del Lago. Inaugurata nel 2002, la Torre del Lago è stata progettata all’interno del parco per catturare i migliori scorci prospettici offerti dal paesaggio.
Toni caldi o tendenti al neutro, linee talora morbide e avvolgenti, talaltra più essenziali per enfatizzare la luce che si fa spazio tra le ampie vetrate; tessuti preziosi come raso, seta, gros grain e damasco per i drappeggi della tappezzeria, fiandra e lino per la biancheria; pregiati marmi nei toni del crema, rosa antico, grigio perla e verde salvia nelle sale da bagno; mobili
d’epoca gelosamente conservati o provenienti da diverse parti del mondo, ricordi di viaggi in terre lontane. Ogni elemento del décor è oggetto di una cura che non trascura alcun dettaglio.
Un intimo camino rende ancora più magica l’atmosfera di alcune stanze, quasi piccole dimore private; in altre, letti a baldacchino conciliano il riposo riportando alla mente suggestioni di tempi antichi. Ampie vasche idromassaggio o docce multi-funzione con sistema di idrogetti e bagno turco garantiscono una pausa di rigenerante relax, anche nella privacy della propria camera. Affreschi e decori alle pareti, rimandano a un mondo delicato, dove angeli ed elementi naturali giocano insieme per dare pace e serenità al proprio ospite. Caldi parquet si alternano a intarsi di marmo italiano e irlandese, lo stesso sul quale passeggia la Regina a Buckingham Palace.
Balconi e terrazze si sporgono tra i verdeggianti vigneti, gli alti pini, le magnolie imponenti, i profumati tigli, e i molti altri alberi che costellano il parco de L’Albereta, per offrire a quasi tutte le camere una vista straordinaria sul paesaggio che abbraccia il relais; in molti casi, allo sguardo è consentito di spingersi fino al vicino Lago d’Iseo, una piccola gemma ancora poco esplorata tra i laghi italiani.
Una sorpresa imperdibile per i più romantici? Basta pronunciare un numero, 404, durante la prenotazione. Ci si assicurerà una camera davvero unica, introvabile altrove. Salite le scale che succedono all’ingresso, si viene accolti da un incantevole letto a baldacchino.
Si preme un bottone, e il tetto della camera, come per magia, si aprirà. E a far da soffitto saranno le stelle del cielo, la loro contemplazione sarà da preludio alla più romantica delle notti e al più dolci dei viaggi tra le braccia di Morfeo.
Un risveglio all’altezza? Una deliziosa colazione nella piccola terrazza privata che si protende tra i sinuosi pendii della Franciacorta, con vista mozzafiato sul Sebino.
Una camera così speciale non poteva che essere unica.

La Casa nel Bosco

L’antica residenza del custode della villa è ora la Casa del Bosco ed ospita due camere deluxe e una junior suite, ideali per essere riservate nella loro totalità come ritiro privatissimo: le camere e suite, insieme al living, diventano a tutti gli effetti una “casa”, dove poter godere della massima privacy nel comfort. Qui, lo stile inconfondibile di Carmen Moretti de Rosa è stato ancor più valorizzato grazie alla collaborazione con lo studio di interior design AMOAMA degli architetti Valentina Moretti e Francesco Matricardi, che ha lavorato coerentemente su cromie, materiali e tessuti, realizzando un progetto unico.
Nella junior suite all’ultimo piano spicca un’opera speciale realizzata dall’artigiano e scultore del legno Giuseppe Rivadossi: è lo scenografico e suggestivo letto a baldacchino dai cui quattro vertici nascono veri e propri alberi che trasformano la junior suite che lo accoglie in una vera e propria foresta incantata. Un nido naturale, un rifugio intimo e raffinato, dove restituire pace e serenità al proprio paesaggio dell’anima.
Gli spazi interni: la hall, la Sala Scacchi, Greeneige Lounge la stessa attenzione al dettaglio e gusto per il bello che hanno definito l’essenza estetica delle camere trovano una perfetta corrispondenza nelle aree comuni.
Un bovindo avvolge la hall e annulla ogni soluzione di continuità tra interno ed esterno: la luce si fa trait d’union, fuori e dentro si confondono e si rincorrono. Verde, verde e ancora verde, in tutte le sue tonalità, reso ancor più morbido da oasi di bianco: i pini del parco si specchiano nelle felci disegnate sulle sedute dei salotti; il bianco del gelsomino corteggia il velluto dei sofà, i profumi della lavanda e del rosmarino con i loro toni tenui creano una raffinata armonia olfattiva e cromatica con le delicate composizioni floreali che punteggiano gli spazi della hall.
Un’oasi di pace e serenità dove il silenzio è rotto solo dall’acqua che zampilla dalla fontana antistante.
Una vera chicca è la Sala Scacchi, un luogo intimo, raccolto, dove è piacevole fermarsi per una pausa di lettura in totale relax, per una chiacchierata sincera con gli amici. Un imponente camino con un antico stemma a far da guardia, affreschi originali che riprendono le geometrie di una scacchiera, le cromie della terra e del cuoio, l’alto soffitto a cassettoni, le fragranze severe di legno arso concorrono a delineare la magia di questo rifugio raffinato.

Luogo dedicato alla lettura e al relax, il Greeneige Lounge invita ad allentare i ritmi e a godere di piccoli momenti di piacere. Nuance naturali, dal tortora al beige, materiali dalle
texture vellutate, volumi avvolgenti: l’atmosfera è quella rilassata di un salotto di una casa privata. Un’ampia libreria alla quale attingere per trovare ogni genere di testo: narrativa,
poesia, architettura, arte, e molto altro ancora. Un camino appartato per i momenti a due. Un pianoforte attorno al quale, al calar della sera, l’aperitivo si accompagna a seducenti melodie.
A proteggere in un abbraccio questo spazio, tre romantiche terrazze: profumati giardini pensili che si affacciano sul parco, sul paesaggio dolce della Franciacorta, sulle acque tranquille del vicino Lago d’Iseo.
Luce, spazio, silenzio, tempo: qui risiede l’essenza de L’Albereta.

I RISTORANTI

Nata come luogo dedicato all’arte di vivere e al piacere della convivialità, L’Albereta continua ad essere un vero e proprio tempio del gusto grazie al suo nuovo ristorante LeoneFelice che trova anche un perfetto complemento nel VistaLago Bistrò, la cui terrazza gode di un panorama straordinario sul lago di Iseo.
A coloro che desiderano rispettare un regime calorico controllato, è dedicato il Ristorante Benessere, nelle cui proposte è possibile ritrovare il piacere di una cucina calibrata nell’apporto calorico, ma ricca nei sapori, che saprà sorprendere anche i palati più esigenti.
Il Greeneige Lounge, con le sue calde atmosfere da salotto di casa, è il luogo ideale per il relax nella privacy più totale: per sorseggiare una tisana detox Chenot, per leggere un buon libro, per contemplare il paesaggio della Franciacorta su una delle sue deliziose terrazze.

LEONEFELICE

Inaugurato nel 2014, LeoneFelice è il nuovo ristorante de L’Albereta: atmosfere raffinate con un décor contemporaneo, fatto del miglior design italiano. Fabio Abbattista, executive Chef, propone una cucina basata sull’eccellenza della materia prima e sul recupero dei sapori della memoria, interpretati con tecnica e abbinamenti contemporanei.
Il cuore della materia essa arriva in cucina direttamente dalla collina Bellavista grazie a un piccolo allevamento di polli e conigli di varietà pregiati allevati come un tempo e all’orto di
famiglia: qui ogni giorno la brigata di LeoneFelice raccoglie ortaggi, frutta e erbe aromatiche.
Il risultato è una cucina elegante e leggera, dove il ruolo da protagonista è conferito al sapore più autentico di ogni ingrediente, con tutto il valore emozionale che esso porta con sé.

VISTALAGO BISTRÒ

Accolto nelle sale più antiche di questa antica villa neorinascimentale, decorata con affreschi e motti in latino dedicati all’arte dell’ospitalità, il VistaLago Bistrò è il cuore vibrante de L’Albereta.

Perfetto dal primo caffè del mattino sino al bicchiere della staffa, esso propone per tutto il giorno una ricca selezione di snack e, per il pranzo e per la cena, i piatti più autentici della
tradizione italiana e del territorio: come i Tonnarelli cacio e pepe, le Crocchette di lavarello e melanzane, la Costoletta di vitello alla milanese.
La favolosa ed inedita terrazza del VistaLago bistrò sembra fluttuare nel verde del parco secolare de L’Albereta ed offre una vista mozzafiato su Montisola che si bagna nelle acque del Lago di Iseo.

RISTORANTE BENESSERE SPA HENRI CHENOT

Riservato agli ospiti in trattamento presso L’Espace Chenot Health Wellness SPA, il Ristorante Benessere è dedicato alle ricette create da Dominique Chenot e da lei messe a punto insieme ad un’equipe di esperti, con l’obiettivo di fondere insieme equilibrio e gusto.
In questa sala dal dècor raffinato, che si protende con il suo meraviglioso bowindow tra gli alberi ed i fiori del parco de L’Albereta, quasi a voler fondersi in un tutt’uno con la natura
circostante, gli ospiti sono sedotti ogni giorno da piatti che incantano la vista e deliziano il palato.
Diventa così un piacere, anziché una regola, rispettare la dieta personalizzata, prescritta da esperte dietiste, che rappresenta l’imprescindibile complemento ai trattamenti di cura Henri
Chenot.

GREENEIGE LOUNGE

Il Greeneige Lounge è un vero e proprio salotto, intimo ed accogliente, da godersi in ogni momento della giornata, per rilassarsi su comodi divani e degustare le migliori tisane detox
firmate Henri Chenot.
Nuances naturali, dal tortora al beige, materiali dalle texture vellutate, volumi avvolgenti. Ogni angolo è un piccolo mondo a sé, dove trovare la giusta atmosfera per un romantico incontro a due o dove ritrovarsi con gli amici per una chiacchierata sincera. Un’ampia libreria alla quale attingere per trovare ogni genere di testo: narrativa, poesia, architettura, arte e molto altro ancora.
Un camino per le fredde serate invernali. Ad avvolgere il Greeneige Lounge tre romantiche terrazze, profumati giardini pensili che si affacciano sul paesaggio dolce della Franciacorta.

LA FILIALE

Nel marzo 2017 si inaugura l’ultima, incredibile esperienza culinaria all’interno del parco de L’Albereta: è il chiosco La Filiale, dove degustare ottimi vini e un menu totalmente dedicato alla pizza e firmato da Franco Pepe.
L’ambiente si sviluppa su due piani e al suo interno è immediatamente visibile il voluto legame con la natura circostante, dove pietra, legno e marmo sono i principali materiali utilizzati. Il banco bar all’ingresso si affaccia alla cucina a vista: qui si può già gustare un aperitivo, tra assaggi di pizza, drink, birra e vini, non solo Franciacorta, ma la migliore selezione italiana.

Dalla Margherita sbagliata alla pizza fritta, l’unione di due grandi nomi come Franco Pepe e dello Chef Fabio Abbattista, porta a grandi sorprese per tutti i palati: come la creazione della pizza Curtefranca, condita con il fatulì, tipico formaggio della Val Camonica e presidio Slow Food, già utilizzato dallo Chef in cucina e per la prima volta protagonista del gustoso mondo della pizza.

IL BENESSERE

ESPACE CHENOT HEALTH WELLNESS SPA

Inaugurato nella primavera 2003, l’Espace Chenot è frutto della volontà di Carmen Moretti de Rosa di arricchire L’Albereta di uno spazio dove i propri ospiti potessero dedicarsi esclusivamente alla cura di sé, secondo un metodo rigoroso che si nutrisse di un imprescindibile radicamento nei principi della medicina.
Erano gli anni in cui si stavano diffondendo a macchia d’olio, in ogni tipologia d’albergo, centri benessere di ogni sorta, con proposte che facevano riferimento a tecniche e teorie disparate, e dunque privi di una filosofia e di un metodo unico, dalle solide basi mediche, che sottendesse a tutte le cure e i trattamenti in carnet.
La ricerca dell’eccellenza ha sempre guidato le scelte di Carmen Moretti nella definizione di ogni elemento che concorresse a definire l’identità de L’Albereta. E come accadde quando pretese di avere il padre della moderna cucina italiana a guidare il ristorante del Relais, anche in questo caso volle il meglio che il panorama internazionale del mondo del benessere offrisse.
Di qui il sodalizio con Henri Chenot, fondatore della biontologia e ideatore della fitocosmesi.
Interprete accreditato a livello internazionale di una concezione olistica di benessere, Henri Chenot coniuga i principi della medicina cinese con le più evolute tecnologie della medicina occidentale.

La biontologia definita da Chenot si basa su una visione finalmente complessiva della macchina-uomo, per operare sull’equilibrio tra mente, inconscio e corpo fisico, attenuando i problemi e i segni dell’invecchiamento, dello stress, della stanchezza, del sovrappeso, dell’intossinazione organica e di tutte le loro conseguenze, quali ad esempio problemi cardio-circolatori, malattie della pelle, ipertensione, disturbi del sonno, disturbi digestivi e sessuali, ansia e depressione.
Disciplina scientifica basata sulla comprensione dell’evoluzione delle risorse vitali dell’organismo umano nelle diverse età della vita, la biontologia rappresenta finalmente un approccio completo che intende riportare in equilibrio l’unità psico-fisica di ciascun individuo, consentendo di recuperare salute, energia e vitalità.

Architettura di luce e acqua

La stessa ricerca di armonia che diventasse, in questo caso, equilibrio tra spazi pieni e vuoti, tra luoghi di luce, pause d’ombra e alvei d’acqua. Questa è stata la richiesta di Carmen Moretti de Rosa a Ettore Mocchetti, architetto e Direttore di AD Italia, quando gli affidò la progettazione dell’Espace Chenot.
L’importanza che venne riconosciuta sin da subito a questo luogo di benessere assoluto si evince dal fatto che la sua nascita coincise con la costruzione ad hoc di una nuova area de
L’Albereta: la Torre del Lago.
Ispirandosi a un principio di totale rispetto del paesaggio e della sua luce naturale, lo studio Mocchetti & Partners ha creato uno spazio che si estende su una superficie di 2000 mq, suddisiva in due principali aree, disposte su due livelli.
L’Espace Chenot si apre con l’area riservata all’accoglienza, favorita da volumi architettonici morbidi e da linee curve, avvolgenti, che invitano alla distensione e all’abbandono di ogni affanno o tensione. Qui la pace regna su tutto. A circondare quest’area, a proteggerla, volumi più essenziali, linee geometriche e rigorose che trovano perfetta rispondenza nella loro funzione: qui infatti gli studi medici si alternano alle aree dedicate ai test energetici e alle valutazioni dietologiche.
Simmetricamente alla zona reception, si sviluppa una seconda area dedicata alla tisaneria.
Inondata di luce naturale grazie ad un lucernario zenitale che la domina, essa si protende nel parco con le cabine riservate ai trattamenti eseguiti l’esecuzione dalle sapienti mani dei
terapisti: massima privacy e contatto diretto con la natura si fondono insieme a massimizzare i benefici delle terapie.
Vetro, acciaio, fonti luminose accarezzano e ottundono spigoli, e percorsi ritmano dolcemente l’andamento delle partiture murarie. Ogni cenno aggressivo, ogni stridente intermittenza vengono meno. Si ricompongono lo yin e lo yang, stabilendo un equilibrio radioso, rotondo, perfettamente bilanciato: sassi levigati dalle acque lacustri e dai fiumi, la scabra forza tellurica della pietra locale, la grafia astratta delle piante grasse lette da una luce solida e chiarissima entro nicchie geometriche. Pochissimi gli arredi, divano e sedute molto confortevoli, quasi tutti su disegno, con l’eccezione di rari, sublimati tocchi orientali come le stereometriche console cinesi. La zona al pianterreno, direttamente accessibile dal parco in cui spiccano grandi sculture contemporanee e spalancata sul verde, è invece dedicata agli idrotrattamenti e all’area aqua-fitness. Un’area dedicata a sauna e bagno turco con aromaterapia si affianca ad una attrezzata ed ampia palestra con macchine Technogym di ultima generazione, dotata di un incantevole bovindo che si apre alla natura circostante: una corsa sul tapis roulant si trasforma così in un allenamento tra i lecci e cipressi del parco.
Uno spazio riservato, dalla avvolgente forma circolare, è il regno della idroterapia, delle applicazioni di phyto-fango e degli idro-getti. L’area è dominata da una vasta piscina con nuoto controcorrente e varie tipologie di idromassaggio. Il pavimento di teak naturale, che ricorda il ponte di un veliero e che si sviluppa in leggero declivio, sembra come assottigliarsi, come sospendere l’inflessibile costrizione fisica della gravità per dissolversi nella rasserenante superficie dell’acqua. Un moto centripeto, fluido ed energetico delinea e caratterizza l’intero respiro spaziale dell’architettura. Il linguaggio prescelto accosta una rarefazione zen alle sofisticate geometrie nautiche degli anni Trenta.

Acciaio spazzolato per leggeri elementi funzionali che rammentano certe soluzioni del razionalismo e della Bauhaus quanto l’ineffabile lusso tecnologico protomoderno dei grandi
transatlantici varati nel decennio precedente la seconda guerra mondiale.
Salus per aquam, dicevano gli antichi. E qui l’acqua trionfa: dinamica e scintillante, anima a cascata liquide pareti, intreccia una schermaglia elegante con la luce purissima che irrompe incontrastata dalle grandi vetrate annullando la cesura fra interno e esterno.
La luce penetra metafisica e vivificante, persino solida, dal cavedio che fora il soffitto per catturarne l’essenza energetica. Acqua e luce, binomio fondamentale; arcano rivelato, lieve
vibrante bagliore, pacificante riflesso concentrico, magico cerchio che irriducibile si espande.

IL METODO HENRI CHENOT

L’Espace Chenot Health Wellness SPA de L’Albereta rappresenta un luogo di benessere
assoluto, uno spazio dove dedicarsi esclusivamente alla cura di sé. Anche nella sua architettura, fatta di equilibrio tra spazi pieni e vuoti, tra luoghi di luce, pause d’ombra e giochi d’acqua, L’Espace Chenot esprime la stessa ricerca di armonia che anima la sua ragion d’essere.
Henri Chenot ha messo a punto un metodo reso unico da oltre quarant’anni di esperienza.
Percorsi di cura studiati per riportare l’organismo al suo massimo benessere psicofisico, con
tecniche esclusive di detossinazione e di riattivazione dei canali energetici e delle funzioni
organiche, personalizzate sulle esigenze specifiche del singolo individuo.
Tutto secondo i principi della Biontologia, la disciplina scientifica che coniuga i principi della medicina cinese con le più evolute tecniche della medicina occidentale, basata sulla
comprensione dell’evoluzione delle risorse vitali dell’organismo umano nelle diverse età della vita.

PERCHÉ A L’ESPACE CHENOT HEALTH WELLNESS SPA

Molti sono gli stati psico-fisici in cui è indicato un periodo di trattamenti per ritrovare la
propria salute e tornare al massimo livello di energia vitale.

Sovrappeso
Avvio del dimagrimento
Sovrappeso da diabete alimentare
Sovrappeso e conseguenti problemi circolatori e cardiaci
Sovrappeso e conseguenti dolori ossei

Stress

Disturbi cardio-cerebro-vascolari
Ipertensione
Disturbi sessuali
Disturbi del sonno
Disturbi digestivi
Ansia e depressione
Disturbi muscolari (periartrite, lombalgia, cervicalgia)
Malattie della pelle

Anti-age

Rigenerazione organica
Prevenzione dei disturbi fisici e connettivali
Prevenzione dell’invecchiamento accelerato
Rivitalizzazione

Salute e prevenzione

Miglioramento del benessere generale
Utilizzo ottimale della forma psico-fisica

L’ALIMENTAZIONE, VIA IMPRESCINDIBILE AL BENESSERE

Un elemento fondamentale del metodo Chenot è rappresentato dall’attenzione per
l’alimentazione. Essenziale completamento al programma dei trattamenti di cura, la dieta svolge l’importantissima funzione di smuovere le tossine dai loro depositi favorendo la depurazione dei tessuti e coadiuvando il naturale lavoro depurativo del fegato. La dieta è a base quasi esclusivamente di alimenti di origine vegetale, priva di sale e di grassi saturi, ricca di succhi di frutta e verdura e di vegetali freschi per fare il pieno di vitamine e sali minerali.
Due le tipologie di dieta che possono essere proposte durante la cura: la detox, proposta in
abbinamento alla cura di 7 giorni per una perfetta depurazione dell’organismo, è una dieta
depurativa detossinante “ipotossica”che prevede il digiuno nella terza giornata di trattamento; la biolight, regime alimentare composto da cibi sani, leggeri e saporiti, preparati secondo metodi naturali e cotture innovative, per preservare le proprietà nutritive contenute negli alimenti, è indicata per i percorsi cura di 3 e 4 giorni ed è caratterizzata da una composizione nutrizionale bilanciata ed una ottimale distribuzione calorica.
Entrambe le proposte trovano espressione in piatti che seducono la vista e deliziano il palato, preparate secondo i criteri dietologici messi a punto da Dominique Chenot.
In termini di alimentazione, importanti indicazioni da seguire per il dopo-cura, sono definite
attraverso il test di impedenziometria, analisi volta ad indagare la composizione corporea in
termini di massa magra e massa grassa, acqua corporea e metabolismo basale, nonché
fondamentale strumento per il calcolo del fabbisogno energetico-nutrizionale di ognuno.
Tale test, abbinato alla consulenza dietologica personalizzata, permetterà al team dei dietisti di poter fornire a ogni individuo un programma dietetico personalizzato da seguire nel regime alimentare quotidiano post cura, al fine di massimizzare e mantenere nel tempo la depurazione e i benefici da essa prodotti.

ELEMENTI DELLA CURA HENRI CHENOT

DIETA

Il menu detossinante proposto dall’Espace Chenot, frutto di decenni di esperienza, è studiato per indurre una profonda depurazione dei tessuti, ed è basato su alimenti naturali di origine prevalentemente vegetale, a ridotto contenuto di glutine e ad azione ipoallergenica e
riequilibrante delle funzioni corporee. Ad esso si affianca il menu biolight, composto da cibi sani ed equilibrati, preparati con metodi salutari che ne preservano le proprietà nutritive e proposti in “porzioni benessere”.

ANALISI E CONTROLLI

La cura è costantemente monitorata dall’equipe medica dell’Espace Chenot che all’arrivo
dell’ospite procede a precise valutazioni del suo stato di salute, attraverso:

Valutazione del grado di tossicemia
Un questionario ed una visita medica specifica determinano il grado di intossinazione
dell’organismo, causa principale del sovrappeso e di molti altri disturbi e patologie.
Valutazione della composizione corporea

La struttura fisica della persona viene esaminata in termini di massa magra e grassa, acqua
corporea e metabolismo basale: un’analisi fondamentale per studiare un’alimentazione
personalizzata per il periodo successivo a quello di cura.

Check-up bio-energetico

Attraverso una specifica strumentazione, si determina l’efficienza delle funzioni vitali
dell’organismo e dei flussi energetici lungo i canali che, secondo i dettami della medicina cinese, percorrono il corpo.

Valutazione del grado di stress ossidativo

Lo stress ossidativo misura il disequilibrio fra la produzione di radicali liberi e le difese
antiossidanti del nostro organismo. L’alto livello di stress cellulare dovuto ai radicali liberi è
uno dei fattori che favoriscono l’intossicazione organica e accelerano l’invecchiamento
corporeo.
Inoltre, in presenza di particolari disturbi, l’equipe medica dell’Espace Chenot procede secondo i principi della medicina funzionale, che considera non solo il disturbo in sé, ma il quadro che può determinarlo.

TRATTAMENTI ENERGETICI

Trattamento energetico

Attraverso sofisticate apparecchiature, vengono misurate e localizzate in punti specifici le
variazioni bioelettriche della pelle. Questi punti vengono in seguito stimolati, per rinforzare e riequilibrare l’organismo.

Cura idro-energetica

Ha lo scopo di ristabilire la corretta circolazione dei liquidi nel corpo. Si articola in tre fasi:

Idro-aromaterapia

È una particolare tecnica d’idromassaggio con l’aggiunta di oli essenziali e tinture madri. Le variazioni di temperatura e di pressione delle acque, oltre all’azione degli estratti di piante, agiscono sulla vasodilatazione o sulla vasocostrizione dei capillari.

Benefici: garantisce un beneficio fondamentale per i vasi capillari e per la circolazione periferica del sangue. Effetto drenante e detossinante. Aiuta ad eliminare le tossine e i grassi depositati nei tessuti. Effetto stimolante e tonificante, per rafforzare le naturali funzioni fisiologiche, per contrastare e proteggere dai danni causati dall’invecchiamento.

Phyto-fangoterapia

Il fango impiegato negli impacchi, morbido e piacevole, è arricchito da microalghe pure, argille bianche o verdi, oli essenziali puri e tinture madri.
Benefici: drenante e detossinante, stimolante e rivitalizzante. Elimina stress e tensioni psichiche e fisiche, sia nervose, sia muscolari.

Idrogetto

È l’ultima e terza fase della cura idro-energetica: un getto d’acqua sul corpo, indirizzato con
precisione, restituisce energia e vitalità.

Benefici: tonifica e rassoda il corpo.

Massaggio energetico tendino-muscolare

Eseguito manualmente e attraverso strumentazioni in grado di liberare i blocchi energetici,
agisce sui tessuti di muscoli e tendini, tonificandoli e rigenerandoli.
Benefici: Drenante e detossinante. Rivitalizzante. Stimolante e rigenerante. Energizzante.

PROGRAMMI DI CURA E BENESSERE

Dopo oltre un decennio di successi internazionali nel settore della salute, del benessere e della bellezza, l’Espace Chenot de L’Albereta presenta nuovi programmi e servizi dedicati al mantenimento della migliore condizione fisica, della vitalità e dell’equilibrio tra il corpo e la mente.
Grazie all’introduzione di tecniche di diagnostica all’avanguardia, oggi arricchiamo il nostro lavoro di un approccio multidisciplinare più innovativo e completo. L’attenzione è puntata su un metodo di screening sistemico e olistico volto a identificare l’attuale stato di salute e le potenzialità di ogni individuo.
In un ambiente completamente rinnovato offriamo ai nostri ospiti trattamenti potenti, efficaci e personalizzati che permettono al corpo e alla mente di raggiungere nuovi traguardi, con risultati prolungati nel tempo che favoriscono nuova salute, vitale benessere e splendente bellezza.

DAY SPA

Per chi non ha il tempo di concedersi un programma di cura di più giorni, oppure per coloro
che sentono la necessità di ritagliarsi un’oasi di benessere e relax nella frenesia dei ritmi della vita quotidiana, l’Espace Chenot ha messo a punto una selezione di DAY SPA su misura, che si sviluppano nel corso di una sola giornata, con l’obiettivo di depurare, preparare, rivitalizzare, rigenerare l’organismo nella sua globalità, senza dimenticare la cura della sua bellezza.
Concedetevi il piacere di una intera giornata dedicata all’esclusiva cura di voi stessi. Il team di professionisti de l’Espace Chenot vi dimostrerà come possa bastare una sola giornata per
ritrovare la serenità di un rinnovato equilibrio psico-fisico, con la mente sgombra da ogni
pensiero ed il corpo libero da ogni tensione.
Una pausa di intenso benessere e sublime piacere. Il vostro corpo, purificato e rimodellato,
risplenderà di bellezza e così il vostro animo… lieto di aver ritrovato un’immagine nella quale rispecchiarsi con gioia.

TRATTAMENTI ESPACE CHENOT HEALTH WELLNESS SPA

L’Espace Chenot propone nel proprio carnet una selezione completa di trattamenti altamente specifici e all’avanguardia, al fine di garantire la soluzione ad un’ampia gamma di problemi estetici o di patologie, da combinare sulla base delle specifiche esigenze di ogni individuo, con la costante consulenza del medico e con la sua assidua supervisione.

Di seguito la guida ai trattamenti strutturata per dipartimenti:
Dipartimento Medicale
Dipartimento Human Performance
Dipartimento di Idrobiontologia
Dipartimento di Biontologia Estetica
Dipartimento di Medicina Estetica
Dipartimento di Estetica Tradizionale

DIPARTIMENTO SPORT E FITNESS

Energia, attività fisica, vitalità: l’Espace Chenot offre ai propri ospiti l’opportunità di rilassarsi e allenarsi all’interno della propria struttura dotata di piscina, campio da tennis e fitness center.
Oltre alle attrezzature, i nostri ospiti possono contare sulla presenza costante di allenatori in
grado di preparare programmi individuali creati in base alle esigenze personali per consentire il raggiungimento di un livello ottimale di forma fisica.
Il fitness center è dotato di attrezzature all’avanguardia Techno-Gym.
Tra le Attività indoor Personal training, Yoga, Pilates, Acquagym, Allenamento funzionale
Le Attività outdoor, TRX, Nordic walking, Jogging, Mountain bike e Tennis.

I NUOVI TRATTAMENTI ALL’AVANGUARDIA

L’Espace Chenot Health Wellness SPA de L’Albereta, ha introdotto nuovi trattamenti nel Dipartimento di Medicina Estetica:

Criolipolisi

La criolipolisi rappresenta un innovativo trattamento non-invasivo che consente di ridurre in modo permanente il grasso corporeo senza intervento chirurgico. In un solo trattamento di criolipolisi si ottengono risultati quasi sovrapponibili alla vecchia liposuzione e si potranno successivamente effettuare trattamenti di supporto per zone particolari.
Attraverso il congelamento controllato del tessuto adiposo portato ad una temperatura vicina a 0°C per un periodo di 45 minuti, si ottiene la auto-eliminazione delle cellule adipose che verranno riassorbite in modo naturale e progressivo nelle settimane successive. I risultati più efficaci si ottengono nelle aree del corpo con maggiore quantità di grasso, con una riduzione media del 22-25% a seduta e tutte le aree del corpo possono essere trattate.
Durante il trattamento di criolipolisi il paziente può lavorare sul proprio portatile o leggere un libro e può essere effettuato in qualsiasi stagione. Al termine del trattamento il paziente può immediatamente tornare alla sua normale quotidianità.

Fotobiomodulazione LED

Terapia a luce LED multicolore per un trattamento dolce e atermico per ringiovanire, snellire, tonificare e purificare tutti i tipi e colori di pelle.
Grazie alla combinazione di differenti lunghezze d’onda (rosso, giallo, verde, arancione, blu) con prodotti specifici, la pelle del volto diviene più morbida e levigata, con una riduzione delle rughe sottili, delle iper pigmentazioni e delle macchie con un miglioramento della fragilità capillare. Il corpo viene rimodellato e tonificato con effetto adiuvante nella riduzione della cellulite e del grasso.
Il trattamento nutre e ossigena il cuoio capelluto con un effetto regolatore su pelli grasse,
impure ed acneiche. La pelle non subisce traumi termici, in assenza di dolore o effetti
collaterali.

Elettroporazione

Favorisce la veicolazione transdermica dei principi attivi contenuti nei prodotti associati che permettono la riduzione delle rughe del viso, collo, décolleté e mani, il miglioramento degli inestetismi della cellulite, la correzione delle lassità cutanee dell’interno braccia, interno cosce e addome, il rimodellamento di smagliature e cicatrici e il rassodamento del seno e glutei.
Il trattamento, non invasivo e non doloroso, permette di ottenere risultati immediati ed
evidenti con un aspetto più tonico e idratato, regalando a viso e corpo un aspetto più giovane e fresco sin dalla prima seduta.

Ultherapy®

L’Espace Chenot Health Wellness SPA de L’Albereta offre in esclusiva anche il Lifting non
chirurgico Ultherapy®, l’ultimo arrivato nel Dipartimento di Medicina Estetica.
Ultherapy® è il primo e unico lifting a ultrasuoni microfocalizzatiapprovato FDA che rigenera la pelle in profondità, rendendola più tonica, compatta e levigata, senza bisturi né aghi, con una sola seduta di trattamento.
Il protocollo Ultherapy® è una valida opzione per coloro che presentano una lassità cutanea
lieve o moderata su viso, collo e décolleté. Il piano di trattamento individuale varia in base alle zone, alle profondità e alle intensità specifiche. Il protocollo Ultherapy® prevede di norma, dopo la prima visita medica, una sola seduta di trattamento della durata di 30-90 minuti.
Una speciale sonda ecografica viene fatta scorrere sul viso con l’ausilio di una piccola quantità di gel. Il fastidio è di norma moderato e dopo la seduta si può tornare alle normali attività quotidiane.
Gli ultrasuoni micro-focalizzati utilizzati nel protocollo Ultherapy® arrivano in profondità in maniera mirata, agendo direttamente dove la lassità cutanea ha origine e stimolando la
produzione di nuove fibre collagene, le proteine strutturali della pelle che la rendono tonica e compatta. Sebbene alcuni cambiamenti siano visibili subito dopo la seduta di trattamento, i veri risultati di Ultherapy® arrivano con il susseguirsi delle settimane, man mano che la
rigenerazione del collagene avrà determinato un effetto lifting naturale sulle zone trattate.
L’efficacia e la sicurezza di Ultherapy® sono documentate da oltre 90 studi clinici e
pubblicazioni scientifiche e riconosciute a livello internazionale dalla CE e dal rigoroso ente di controllo statunitense FDA. Ultherapy® impiega inoltre una speciale sonda ecografica brevettata che consente allo specialista di trattare le aree interessate tenendole sotto costante controllo ecografico. Tale tecnologia – chiamata DeepSee e approvata FDA – consente di massimizzare l’efficacia, la sicurezza e il comfort del trattamento. Ultherapy® è eseguibile solo nei centri medici autorizzati che espongono il certificato di autenticità.
Ultherapy® è una possibile opzione per coloro che non sono idonei o non si sentono pronti
per la chirurgia o per trattamenti invasivi. D’altro canto Ultherapy® può essere anche
un’ottima opzione per perfezionare i risultati di un intervento chirurgico o per agire
sinergicamente con altri trattamenti di medicina estetica come filler, botulino, peeling.
Il protocollo Ultherapy® è effettuabile durante tutto l’anno e su qualsiasi fototipo perché gli
ultrasuoni arrivano solo ed esclusivamente nei punti prescelti in profondità, senza interessare in alcun modo la superficie della pelle.

IL PARCO

Passeggiando tra gli alberi: il Parco delle Sculture, museo en plein air “….Nuvole galoppanti lungo i cieli irrequieti, come l’anima ansiosa per occulti richiami”

Anna Cavalleri Piazzoni

Prima di essere un albergo, L’Albereta è stata un’abitazione privata appartenuta all’avvocato
Giovanni Cavalleri che la fece costruire alla fine dell’Ottocento proprio in cima alla collina che lui stesso volle chiamare “Bellavista” quando, terminata la torretta della villa, si rese conto della straordinaria prospettiva che da qui si godeva sul paesaggio circostante. Signora assoluta del luogo fu la moglie, Donna Anna, che qui coltivò l’amore per la musica e l’arte progettando una vera e propria Sala della Musica con due pianoforti, un organo a canne, un flauto traverso, mandolini e fisarmoniche.
Beethoven e Chopin erano gli autori più amati, insieme alla poesia che lei stessa amò
frequentare lasciando piccoli spunti inediti sul luogo e le sue frequentazioni. Il suo amore per i viaggi la portò a conoscere artisti di tutto il mondo e molti di essi soggiornarono qui. Fra di loro anche il famoso pianista Arturo Benedetti Michelangeli e il pittore Gerolamo Calca che ha lasciato importanti tracce di sé con i suoi affreschi.
Tutti questi ricordi sono stati mantenuti vivi dalla famiglia Moretti che ha voluto farsi erede ed interprete contemporanea del mecenatismo di Donna Anna attraverso un’attività costante di valorizzazione e promozione del territorio nonché di tutela del suo patrimonio artistico. Oltre alle attività culturali promosse dalle proprie aziende, prima fra tutti il Premio giornalistico Bellavista Franciacorta fondato da Gianni Brera, il gruppo Terra Moretti ha voluto sostenere il restauro della pieve di Erbusco per restituirla nella sua suggestiva bellezza alla comunità.
Edificata nel XII secolo, l’antica Pieve di Santa Maria Maggiore è un piccolo gioiello di origine medievale che conserva affreschi e sculture del ‘400 e ‘500, mentre l’impianto architettonico, di stile romano-gotico, è tra i più degni di nota della Lombardia.
Senza dubbio, il risultato più importante di questo mecenatismo artistico è il Parco delle
Sculture di Franciacorta, vero e proprio museo en plein air dove vivono in un intrigante
dialogo con la natura 13 sculture di arte contemporanea che si snodano per ben 61.00 ettari di parco, da L’Albereta fino alle vicine cantine Bellavista e Contadi Castaldi.
Esso rappresenta il frutto del Premio Scultura Terzo Millennio indetto dal Gruppo Terra
Moretti – con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali – con il desiderio di suggellare il
passaggio epocale dando valore e risalto all’espressione artistica di giovani talenti e come
simbolo di speranza e fiducia nel futuro.

Scelta la scultura come arte nella quale con più forza si concretizza la sintesi tra il pensiero e il lavoro dell’uomo, ai giovani scultori di tutto il mondo si è voluto dare l’opportunità di vedere realizzata una loro opera di grandi dimensioni, che avesse in sé lo spirito e l’apertura ideale e fantastica al nuovo Millennio. Moltissimi sono stati i bozzetti sottoposti al vaglio della giuria presieduta dal Prof. Paul Restany e composta da nomi illustri del mondo dell’arte e della cultura: arch. Mario Botta, prof. Luciano Caramel, arch. Giuseppe Chigiotti, Sandra Deighton, Gino di Maggio, Enzo Di Martino, Fiorenza Mursia, Padre Costantino Ruggeri, Angela Vettese, Vittorio Moretti.
Tra i mille progetti sopraggiunti, la giuria ha selezionato 10 vincitori – premiati con un totale di euro 53.000 – i cui bozzetti sono stati realizzati a spese del Premio e installati
permanentemente nei luoghi di Terra Moretti, con l’effetto di disegnare, attraverso l’arte e
l’immaginazione, un paesaggio già “scolpito” attraverso i sensi, la ragione e il lavoro.
Le dieci opere vincitrici del Premio di Scultura Terra Moretti sono dunque un importante
tesoro artistico consegnato per sempre al territorio di Franciacorta oltre che un tributo alla
creatività e alla libertà dell’uomo che trasforma la natura e lo spazio attraverso il talento,
l’immaginazione e la tecnica.
In particolare, la giuria ha premiato al primo posto “Fiore di pietra” del leccese Salvatore Sava, al secondo posto la giapponese Maki Nakamura con “My Inside” e, al terzo posto, “La casa orizzontale” del veneto Giorgio Spiller.
Le altre opere finaliste, premiate ex-aequo, sono state: “Porte del Pensiero” del veneto Simon Benetton, “Piccolo Mausoleo all’uomo” dell’abruzzese Mario Costantini, “ChromOculus” dell’americano Ray King, “Dodici Angeli” della polacca Dorata Koziara, “Eco” del parmense Giancarlo Marchese; “Memore-illusion” del francese Nissim Merkado, “Mater Amabilis” del bresciano Giuseppe Rivadossi.
Alle sculture che hanno vinto il Premio Scultura Terzo Millennio, si sono affiancate anche le opere “Afrodite” e “Polifonia” di Ilmi Kasemi e “La Bagnante” di Giuseppe Bergomi.
Un giardino speciale: la Vigna Leone “Le radici affondate nel suolo, i rami che proteggono i giochi degli scoiattoli, i rivi e il cinguettio degli uccelli; l’ombra per gli animali e gli uomini; il capo in pieno cielo.
Conosci un modo di esistere più saggio e foriero di buone azioni?”
Margherite Yourcenar – Scritto in un giardino Un capitolo a parte nella storia dell’Albereta merita la Vigna Leone. Con circa un ettaro di viti piantate più di venti anni fa, si estende proprio nel cuore del grande giardino nel quale si cela il Relais. Molte camere affacciano su questo “giardino essenziale” dove conta, più delle piante, il disegno che lo definisce. E il profilo che si scorge è quello di un luogo gioioso che evoca tranquillità e ispira il raccoglimento.

Il nome della vigna, LEONE, è un omaggio al vecchio giardiniere che qui ha trascorso tutta la sua vita disegnando e ridisegnando il profilo del parco con le sue aiuole fiorite e gli inaspettati luoghi d’ombra dietro alle siepi. Di lui si narrano capacità mirabili che ancora si perpetuano nelle specie arboree che rinascono a ogni stagione. Il nome della Vigna è anche quello del vino:
uno Chardonnay in purezza di rara eleganza che rinnova nelle sue note i profumi e le
suggestioni del luogo. È possibile degustarlo solo nel bar o nel ristorante dell’albergo, e anche l’acquisto è limitato alla sua boutique, La Bottega di Mariella. Introvabile altrove, è il più sincero souvenir de L’Albereta.

MEETING ED EVENTI

Eventi e Riunioni nel verde

L’Albereta, con il fascino dei suoi raffinati interni e i suggestivi angoli del suo parco secolare è, senza dubbio, il luogo ideale sia per eventi, gala, concerti, mostre, sia per incontri di lavoro, fuori dai soliti schemi, che coniughino efficienza, stile e benessere.
Diverse aree, personalizzabili a seconda di qualsiasi esigenza, dotate di tecnologia
all’avanguardia, per un’accoglienza modulabile dalle 5 alle 290 persone.
Ambiente dinamico dalla geometria variabile, illuminato da luce naturale, la Sala delle Feste gode di un accesso privato e può essere divisa in tre sale distinte tramite una parete mobile: la Sala del Cielo, la Sala Dehor e la Sala delle Erbe. Le sue ampie dimensioni, che consentono di accogliere fino a 290 ospiti, si sposano ad un raffinato décor. Il lucernario al quale è sospeso l’imponente lampadario in vetro di Murano cela una piccola sorpresa: esso altro non è che il fondale di una grande fontana; la luce filtra attraverso i suoi giochi d’acqua e infonde una sensazione di grande piacevolezza.
Vero e proprio salotto confortevole e riservato, la Sala della Musica combina un accogliente
spazio interno, dove trovano posto un intimo camino e un pianoforte a coda, con una attigua
terrazza, piccolo giardino sempreverde con una vista mozzafiato sul lago.
La Sala Biliardo, così chiamata perché ospita un divertente biliardo, è uno spazio luminoso e riservato, dove dominano toni neutri a infondere serenità e concentrazione. Ideale per riunioni fino a 12 persone, si affaccia su una graziosa terrazza che lo inonda di luce.
Che si tratti di una sontuosa cerimonia o di un importante meeting, uno staff altamente
specializzato coordina con discrezione e competenza tutte le fasi dell’organizzazione,
consigliando le soluzioni ideali per ogni esigenza: dall’allestimento floreale alla scelta della
proposta gastronomica, dalla consulenza e predisposizione dell’attrezzatura tecnica più
all’avanguardia ai particolari della mise-en-place fino alla “cifra olfattiva” con la quale firmare ogni singolo evento. Ogni dettaglio viene creato su misura per suggellare un’indimenticabile esperienza polisensoriale.
Senza dubbio, il successo di un evento è imprescindibile dalle esperienze e dalle relative
emozioni che lo precedono e che lo seguono: perché il suo ricordo sia di indelebile bellezza è fondamentale garantire agli ospiti un fil rouge emotivo che lasci senza respiro. Molte e
diversificate sono le esperienze collaterali che L’Albereta può offrire ai suoi ospiti: dalla
esclusiva Espace Chenot Health Wellness SPA alla ristorazione.

Ma le opportunità non finiscono all’interno del Relais. Per gli amanti dell’arte sarà un piacere poter godere di rilassanti passeggiate tra le opere di arte contemporanea del Parco delle Sculture; coloro che amano abbandonarsi ai piaceri del palato saranno incantati dalle visite alle suggestive cantine del gruppo, Bellavista e Contadi Castaldi, presso le quali è possibile organizzare degustazioni, visite guidate e corsi di full-immersion per apprendere i segreti dell’arte enoica.
Per gli appassionati di golf non c’è che l’imbarazzo della scelta. I campi che si trovano nelle immediate vicinanze de L’Albereta sono non solo numerosi ma anche di grande prestigio: dal Franciacorta Golf Club a soli 5 km dal Relais, al GardaGolf Country Club con il suo percorso da ben 27 buche.
E ancora: il territorio variegato della Franciacorta offre una scelta vastissima di attività d’ogni tipo. Dalle escursioni nella riserva naturale delle Torbiere del Sebino, alle crociere in battello privato a Montisola. Per gli sportivi, il Lago di Iseo è una vera miniera di possibilità: ai panoramici percorsi in mountain bike si aggiungono tutte le attività nautiche, quali la vela, il windsurf, lo sci d’acqua e il canottaggio; infine, tra le dolci colline che circondano il lago, molti sono i maneggi che consentono agli amanti dell’equitazione suggestive passeggiate a cavallo.

albereta.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *