EDIT Bakery, Beer, Pizza, Cocktail, Restaurant, Matteo Monti Chef Table & Lofts **** Torino (I) new 2 cocotte 2019

Posted by on 24 aprile 2019

Pubblicato da Elio Crociani su Venerdì 26 aprile 2019 Eat, drink, innovate – together A multi-functional place, a completely innovative concept, a point of reference in dining and wining, culture and socialising in the ‘new’ Turin: this is EDIT, the brainchild of the Turinese entrepreneur Marco Brignone. EDIT was founded on 24 November 2017 in the

Pubblicato da Elio Crociani su Venerdì 26 aprile 2019

Eat, drink, innovate – together

A multi-functional place, a completely innovative concept, a point of reference in dining and wining, culture and socialising in the ‘new’ Turin: this is EDIT, the brainchild of the Turinese entrepreneur Marco Brignone. EDIT was founded on 24 November 2017 in the heart of a district that symbolises the urban requalification of Turin.
EDIT is an unexpected hub that was able to re-instill life in an area – Barriera di Milano – that had for too long been considered a suburb through the offer of various formats in a single, large space. The layout of the facilities enables each area to respond to the multiple requirements of today’s Food & Beverage, in line with international trends in catering.

At EDIT, customers can enjoy a full experience, trying each different area according to whom: each one can cater to a different wish according to the time of day – from coffee in the morning to midnight cocktails. The sharing of spaces, experiences, moments and ideas is another key concept underlying EDIT’s philosophy. EDIT covers two floors with a total area of over 2,400 square metres, and is the result of the conversion of the 19th century building housing INCET, a historic cables manufacturer. The location is positioned at one of the two ends of the so-called “Mile of Innovation”, a strategic axi cutting Turin from the Polytechnic to the Dora Railway Station whose aim is to become a leading Italian cultural and business innovation hub.

EDIT’s SPACES

EDIT offers a journey to 6 different food experiences in its 6 areas: EDIT Bakery Cafè, EDIT Brewery, EDIT Pub, EDIT Cocktail Bar, EDIT Restaurant, EDIT Kitchens; plus EDIT Osservatorio (observatory), an area dedicated to events. The two-floor structure, connected through a central staircase, looks onto a spacious internal court and features airy rooms with enormous windows, legacy of its industrial past with INCET.

The innovative concept offered by EDIT relies on the plurality of experiences: an informal but quality offer on the lower floor (with EDIT Bakery Cafè, EDIT Brewery and EDIT Pub), and a more refined offer on the upper floor (with EDIT Cocktail Bar and EDIT Restaurant). EDIT Kitchens round off the offer. EDIT Osservatorio is instead on the top floor.
The multi-functionality of the project shines through in all of these different EDIT souls, each with its own dedicated space, each with its own specific offer.

EDIT BAKERY

Relaxing on a comfortable sofa, working in a friendly space, socialising while drinking a delicious coffee, sipping herbal teas and scented fruit juices, experimenting creative recipes: these are only a few of the activities that can be tried at EDIT Bakery Cafè. A pleasant and friendly space that is half home and half office, with a typically Anglo-Saxon take – the ideal third place.

The welcoming lounge area will guarantee a different experience from the typical bars and offers products that have been carefully sourced, also considering their nutritional features.
EDIT Bakery Cafè has a bar area and a visible baking and bakery lab – definitely a place to be tried and shared.

EDIT BREWERY

A long, modern bar runs down the entire length of the room, boasting 19 taps and characterising EDIT Brewery – an innovative urban brewery that brings together beer fans, gypsy brewers and brewing masters from all over the world.
The 19 taps offer 19 beers, some fully produced under the careful and expert guidance of master brewers, others coming from the best Italian and international breweries, selected personally by EDIT.
EDIT Brewery also offers a long beer list: you can pick between 80 canned and bottled beers. It is a modern and welcoming space where you can relax and enjoys a lovely beer with friends and family.

EDIT PUB

EDIT Pub offers the pleasure of a craft beer combined with delicious food from traditional Italian recipes. The careful selection of beers accompanies dishes created with the purpose of realising one of the key concepts of EDIT’s philosophy: the importance of sharing a moment, a meal or a chat among friends.
EDIT Pub is located alongside EDIT Brewery, offering an open space for 180 people. A friendly table runs 25 metres through the venue: the ideal place to meet people, taste the food – including the famous leavened dishes by Renato Bosco – and enjoy the beer. Sharing, after all, is the profound essence of this project.

EDIT COCKTAIL BAR

The arts of mixology and food pairing come together for this refined cocktail bar on the upper floor of EDIT, where you can personally experiment surprising flavours t hrough a customised package, with a resourceful cocktail list – curated in all its details – that uses ‘foodie’ language with the aim of recalling the flavours of tradition.
The bottle counter at EDIT Cocktail Bar boasts a selection of no less than 888 liquors, with a particularly significant Gin and Vermouth range.
The list also includes alcohol-free options and beer cocktails – with beer naturally crafted by EDIT at the EDIT Pub.
In a dedicated area inside EDIT Cocktail Bar, a fascinating, visible wine cellar completes the picture. The Bar is an elegant place where you can relax and enjoy your aperitif after work or a cocktail after dinner with friends.

EDIT RESTAURANT

A carefully curated place where all barriers between the dining area and kitchen have been removed: EDIT Restaurant reveals itself completely to guests thanks to a central, open-plan kitchen lined with club stools. Chef Matteo Monti’s recipes accompany guests on a journey of the senses, in which experimenting, quality and sharing cohabit on the same plate.
EDIT Restaurant is an emblem of EDIT’s sharing attitude. The counter surrounding the kitchen, with its 16 seats, represents one of the largest Chef’s Tables in Italy. Without forgetting the other 50 seats in the dining area, which is half suspended over a void.
Between EDIT Cocktail Bar and EDIT Restaurant there is a further, reserved room that fits 10 people. It is dedicated to those wishing to order an aperitif or dine in a special and cosier atmosphere.

EDIT KITCHENS

EDIT also features four professional and fully-equipped kitchens that are open to the public. EDIT thus responds innovatively through EDIT Kitchens to the specific needs of those requiring equipped professional spaces.
The four kitchens look onto a 150 square metre room that can be set up for events, show cooking, team building or frontal lessons. Thanks to the shared spaces and to the state of the art equipment present in each kitchen, any need will be catered for.
To ensure guests have the most unique and different experience, it is possible to book the common area or one or more shared kitchens: the living area thus accommodates the audience before an unusual kitchen/stage. The EDIT Kitchens offer also includes additional services, that range from entertainment to the presence of dedicated chefs, or professional photographers and video-makers.

EDIT OSSERVATORIO

EDIT Osservatorio is an open space located on the top floor of the building.
A 200 square metre room that can be booked by anyone wishing to organise work meetings or events.
The large windows, in line with the rest of the building, are the key feature of EDIT Osservatorio, and its position ensures guests can enjoy the most magnificent view of Turin. This is truly a unique venue.

EDIT LOFTS

EDIT Lofts, a challenge within the challenge. Eleven flats offering a new form of lifestyle. Based on the sharing philosophy, the project was realised by the Barbara Scott firm, with close participation by Marco and Franca Brignone who contributed with their innate passion for art.
Structural features such as cement, steel and the large windows are the perfect frame for elegant and comfortable spaces, where art and design come together to give rise to an impactful idea that truly represents the future of this ‘new’ Turin. Converted from the top floor of the former INCET factory, EDIT Lofts are now another fully-integrated feature of EDIT, further expanding its offer.

TIMETABLES

EDIT Bakery Cafè

On Sunday and Monday from 08.30 to 00.00
From Tuesday to Thursday from 08.30 to 01.00
On Friday and Saturday from 08.30 to 02.00

EDIT Brewery & EDIT Pub

On Sunday and Monday from 12.00 to 00.00
From Tuesday to Thursday from 12.00 to 01.00
On Friday and Saturday from 12.00 to 02.00

EDIT Cocktail Bar

From Tuesday to Saturday from 19.00 to 02.00
Open any month on second Sunday 19.00 – 02.00

EDIT Restaurant

From Tuesday to Saturday from 19.30 to 22.30
Open any month on second Sunday 19.00 – 22.30

EDIT RESTAURANT

EDIT Restaurant, on the upper floor of EDIT, groups three areas that interact in perfect synchronicity: the central area dominated by the long counter accommodating up to 16 guests around Chef Matteo Monti’s kitchen,
the dining area accommodating 50 people, and the smaller room that fits 10.
At EDIT’s Chef’s Table – one of the largest in Italy – tasting is interactive, and involves not only the Chef and his brigade, but also the dedicated sommelier who recommends wine pairings, as well as the barmen of
the EDIT Cocktail Bar, which is alongside the Chef’s Table. They will have researched the drinks according to the Chef’s propositions, so as to complement and enhance all flavours. The same care goes into the research of the ideal wines for pairing with the Chef’s tasting menu – specific to the Chef’s Table and variable not only according to season, but also according to
what the Chef finds at the market and what he has devised for the evening. And again, the same goes for the welcome beer, a Pilsner crafted at EDIT Brewery o the lower floor.
Multiple talents come together for a single shared aim: ensuring that the guests have a multi-faceted and unforgettable drinking and dining experience.
During dinner, it feels like listening to a jazz band concert, in which every element is a part of the musical ensemble. From piano to trumpet, from sax
to bass; the rhythm is of course, as always, dictated by Chef Matteo Monti’s team and the tempo of their dishes.

This creative jam session does not mean improvisation, however. Everything has been studied to the finest detail, yet leaving room for artistic creativity and even solos. We start off with “standard jazz”, that is, the classics, the most traditional dishes, presented as a calling card for the kitchen. For example, Anolini (pasta) stuffed with Barbera wine, bring together the two regions of Emilia and Piemonte, served like plin stuffed pasta on a napkin – Piemontese tradition dictates. It is paired with a drink blending vermouth, green chartreuse and stock, recalling central Italy’s opposing tradition of serving stuffed pasta in a stock soup.
Like for any respectable jazz concert, the moment of solos arrives. This is when the ingredients get all of the focus, be it meat, fish or a particular vegetable. Or even a fruit, like for the “fake” Mango Ceviche, fired up
by a touch of red Tabasco.
The philosophy here is to respect the product, painstakingly sourced by the Chef who goes to the Porta Palazzo market at least weekly to negotiate with
producers and farmers. Matteo Monti is a communicator also when he has to speak with suppliers or food consultants, from Fassona meat producer Danilo
Cazzamalli to product hunter Adolfo Rizzardelli. This is probably why he manages to concoct dishes for which the solo is belted out by the main ingredient – be it squid or offal – but the tempo, the rhythm, the pace,
are dictated by him.

MATTEO MONTI
Edit Restaurant
Resident Chef

The Training

Matteo Monti was born in 1979. He went through hotel school and started his career in 1999, alongside Chef Filippo Chiappini Dattilo from the Antica Osteria Del Teatro in Piacenza. In 2004, Paolo Lopriore called him to go to the Il Canto restaurant in Hotel Certosa in Maggiano di Siena as chef de partie. He stayed there until 2007, when he felt the need for an international experience. He thus flew to Oslo to work alongside Chef Eyvind Ellstrom at the Bagatelle restaurant. During his Norwegian stay, he received another call from Lopriore, who wanted him as sous-chef.

He left at the end of 2009 to join Davide Scabin at Combal.Zero in Rivoli, and stayed with him for three years. Another call came from Lopriore, who this time wanted him as executive chef at Il Canto restaurant.
He then went to Rebelot in Milano, where he became chef in 2015 and tried his first Chef’s Table experience, accessing the customer in a more direct and deep manner.

THE PRESENT

In January 2019 he started his EDIT experience, with another Chef’s Table and in a place where sharing, in all its forms, is the underlying philosophy. He brings a cuisine style reflecting all of his great masters (Chiappini,
Lopriore and Scabin) in the way in which he handles the basics, yet manages to combine this with his instincts. Matteo Monti is a chef of substance, who
knows regional Italian cuisine as well as avant-garde international cuisine. A craftsman who affectionately knows the full flavours of our tradition, yet can inject destabilising ideas inspired by the global playing field.
Ceviche, anolini and agnolotti, piada “matta”, soy rabbit roll… A timeless menu that often changes colours, yet remains rocking from the first to the last note.

EDIT RESTAURANT

Lo spazio dell’EDIT Restaurant, al primo piano di EDIT, unisce tre realtà che interagiscono in perfetta sincronia tra di loro, la zona centrale dominata dal
lungo bancone dove possono prendere posto fino a 16 ospiti, attorno alla cucina dello chef Matteo Monti, la sala da 50 coperti e la saletta riservata da 10.
Allo Chef’s Table di EDIT, tra i più grandi d’Italia, la degustazione è interattiva e coinvolge non solo lo stesso chef e la sua brigata, ma anche la sommelier dedicata al banco, che propone i vini in abbinamento, così come i barman dell’EDIT Cocktail Bar, adiacente allo Chef’s Table, che hanno studiato i drink in sintonia con le proposte della cucina, riuscendo a valorizzare i piatti dello chef e a esaltarli al meglio. Lo stesso fine hanno i vini studiati in abbinamento al percorso degustazione dello chef, un menu apposito per il banco e che cambia non solo con il cambiare delle stagioni, ma anche a seconda di ciò che lo chef trova al mercato e di ciò che immagina per la serata. Stesso discorso, infine, per la birra che accompagna il benvenuto, una Pilsner prodotta nella EDIT Brewery al piano terra.
Tanti talenti che si uniscono per un unico fine, regalare all’ospite un percorso eno-gastronomico sfaccettato e indimenticabile. Durante la cena sembra di assistere a un concerto di una jazz band, in cui ogni elemento è in funzione dell’insieme musicale.
Dal pianoforte alla tromba, dal sax al contrabbasso, dove a tenere il tempo è, come sempre, la sessione percussioni, la batteria dello chef Matteo Monti, che
scandisce i momenti con i suoi piatti.

Ne risulta una jam session creativa, dove però nulla è lasciato all’improvvisazione, ma tutto studiato nei minimi dettagli, senza per questo rinunciare ai guizzi artistici o agli assoli. Si parte dallo “standard jazz”, vale
a dire dai classici, quindi dai piatti della tradizione, che la cucina presenta come biglietto da visita. Un esempio è l’Anolino con ripieno al Barbera, che unisce Piemonte ed Emilia, servito come un plin al tovagliolo, come da tradizione piemontese, ma a cui viene abbinato un drink fatto con vermut, chartreuse verde e brodo, a richiamare invece la ricetta del centro Italia della pasta ripiena in brodo.
Come ogni jazz concert che si rispetti, arriva a un certo punto anche il momento degli assoli, che è quello in cui viene dato maggiore risalto alla materia prima, che sia carne, pesce o un ortaggio in particolare o, anche
un frutto, come nel caso della ‘finta’ Cevice di mango, esaltata dalla nota piccante di tabasco rosso. Qui la filosofia è quella di rispettare il prodotto, che
lo chef seleziona maniacalmente, andando al mercato di Porta Palazzo almeno una volta alla settimana, per parlare con i produttori e i contadini.
Matteo Monti è un comunicatore anche quando deve parlare con i fornitori o i consulenti gastronomici, dal produttore di fassona Danilo Cazzamali al ‘product hunter’ Adolfo Rizzardelli. È forse per questo che riesce
a comporre piatti in cui l’assolo lo fa sì la materia prima, che sia seppia o quinto quarto, ma il tempo, il ritmo, l’incedere, lo dà lui.

MATTEO MONTI
Edit Restaurant
Resident Chef

LA FORMAZIONE

Matteo Monti, classe 1979, dopo aver frequentato la scuola alberghiera la sua prima esperienza arriva nel 1999, a fianco dello chef Filippo Chiappini Dattilo
dell’Antica Osteria Del Teatro di Piacenza. Nel 2004 Paolo Lopriore lo chiama al ristorante Il Canto dell’Hotel Certosa di Maggiano di Siena come capo partita, e lì rimane fino al 2007 quando sente il bisogno di un’esperienza straniera, volando a Oslo per lavorare a fianco dello chef Eyvind Ellstrom del ristorante Bagatelle. Durante il suo soggiorno norvegese riceve una nuova chiamata da Lopriore, che lo vuole come sous-chef.

Nel gennaio 2019 inizia la sua esperienza in EDIT, dove ritrova il banco e una struttura in cui la condivisione in tutti i suoi aspetti è all’ordine del giorno. Si porta in dote uno stile di cucina in cui si riconoscono i suoi grandi maestri (Chiappini, Lopriore e Scabin) dal modo in cui maneggia le basi classiche unendole alla capacità di seguire il proprio istinto. Matteo Monti è un cuoco
di sostanza che conosce le cucine regionali italiane Andrà via alla fine del 2009 per raggiungere Davide Scabin al Combal.Zero di Rivoli, e con lui rimarrà nei tre anni successivi, prima di ricevere ancora una chiamata
da Lopriore, che stavolta lo vorrebbe come executive chef al ristorante Il Canto. La sua strada prosegue con il Rebelot di Milano, dove nel 2015 diventa chef e prova per la prima volta l’esperienza di un bancone, entrando in contatto con il cliente in un modo più diretto e profondo.

IL PRESENTE

Nel gennaio 2019 inizia la sua esperienza in EDIT, dove ritrova il banco e una struttura in cui la condivisione in tutti i suoi aspetti è all’ordine del giorno. Si porta in dote uno stile di cucina in cui si riconoscono i suoi grandi maestri (Chiappini, Lopriore e Scabin) dal modo in cui maneggia le basi classiche unendole alla capacità di seguire il proprio istinto. Matteo Monti è un cuoco
di sostanza che conosce le cucine regionali italiane così come la cucina d’avanguardia internazionale, un artigiano affezionato ai sapori rotondi della nostra tradizione ma capace di tocchi spiazzanti ispirati dal mondo globale. Ceviche, anolini e agnolotti, piada “matta”, tonno di coniglio alla soia… Un menu senza tempo che cambia spesso colori, ma rimane sempre rock dalla prima all’ultima nota.

Eat, drink, innovate, together

Un luogo polifunzionale, un concept totalmente innovativo, un punto di riferimento all’interno dello scenario gastronomico, culturale e sociale della ‘nuova’ Torino: questo è EDIT, il complesso frutto dell’intuizione dell’imprenditore torinese Marco Brignone, nato il 24 novembre 2017 nel cuore di una zona simbolo di riqualificazione urbana del capoluogo piemontese.
EDIT è un polo fuori dagli schemi che è stato capace di far rinascere un quartiere considerato per troppo tempo periferico, Barriera di Milano, attraverso l’offerta di diversi format in un unico grande spazio.
La disposizione della struttura permette a ogni area di rispondere alle molteplici esigenze che oggi caratterizzano il settore Food & Beverage, secondo i trend internazionali della ristorazione.

Da EDIT il cliente si immerge in un’esperienza a 360°, con la possibilità di vivere ogni luogo in maniera diversa a seconda delle proprie necessità: le varie aree sono in grado di rispondere alle differenti esigenze di ogni singolo momento della giornata scandendone il tempo, dal caffè del buongiorno al cocktail della buonanotte. La condivisione degli spazi così come di esperienze, di momenti e di idee, rappresenta un altro concetto chiave della filosofia di EDIT.
EDIT si sviluppa su due piani, per una superficie totale di oltre 2400 mq., e occupa l’edificio ottocentesco che prima ospitava gli stabilimenti dell’Incet, storica fabbrica di cavi elettrici; inoltre la struttura si colloca a uno dei due capi del cosiddetto “Miglio dell’Innovazione”, un asse strategico che percorre la città di Torino collegando il Politecnico con la stazione Dora e che punta a trasformarla in uno dei poli dell’innovazione culturale e d’impresa italiani.

GLI SPAZI EDIT

EDIT offre al pubblico un viaggio con 6 diverse destinazioni gastronomiche, le sue 6 aree: EDIT Bakery Cafè, EDIT Brewery, EDIT Pub, EDIT Cocktail Bar, EDIT Restaurant,
EDIT Kitchens; a queste si aggiunge EDIT Osservatorio, zona dedicata agli eventi.
La struttura a due piani, collegati fra loro da una scala centrale, si affaccia su una spaziosa corte interna e presenta ambienti ariosi dalle grandi vetrate, lascito dell’eredità industriale dell’INCET.

Il concept innovativo proposto da EDIT permette di vivere al suo interno una pluralità di esperienze: un’offerta più informale, ma di qualità al piano inferiore (con EDIT Bakery Cafè, EDIT Brewery e EDIT Pub) e un’offerta più ricercata al piano superiore (con EDIT Cocktail Bar, EDIT Restaurant); le EDIT Kitchens completano la proposta.
All’ultimo piano si trova invece lo spazio dell’EDIT Osservatorio.
La polifunzionalità del progetto si esprime in tutte queste anime di EDIT, ognuna con un proprio spazio dedicato, ognuna con la sua specifica offerta.

GLI SPAZI DI EDIT

EDIT offre al pubblico un viaggio con 6 diverse destinazioni gastronomiche, le sue 6 aree: EDIT Bakery Cafè, EDIT Brewery, EDIT Pub, EDIT Cocktail Bar, EDIT Restaurant, EDIT Kitchens; a queste si aggiunge EDIT Osservatorio, zona dedicata agli eventi.
La struttura a due piani, collegati fra loro da una scala centrale, si affaccia su una spaziosa corte interna e presenta ambienti ariosi dalle grandi vetrate, lascito dell’eredità industriale dell’INCET.

Il concept innovativo proposto da EDIT permette di vivere al suo interno una pluralità di esperienze: un’offerta più informale, ma di qualità al piano inferiore (con EDIT Bakery Cafè, EDIT Brewery e EDIT Pub) e un’offerta più ricercata al piano superiore (con EDIT Cocktail Bar, EDIT Restaurant); le EDIT Kitchens completano la proposta.
All’ultimo piano si trova invece lo spazio dell’EDIT Osservatorio.
La polifunzionalità del progetto si esprime in tutte queste anime di EDIT, ognuna con un proprio spazio dedicato, ognuna con la sua specifica offerta.

EDIT BAKERY

Rilassarsi su un comodo divano, lavorare in un luogo conviviale, socializzare
gustando un buon caffè, sorseggiare infusi e succhi dal profumo invitante,
sperimentare ricette creative: queste sono solo alcune delle attività possibili
all’EDIT Bakery Cafè. Un piacevole e caloroso spazio a metà tra casa e
ufficio di tipica ispirazione anglosassone, l’ideale third place.
Si tratta di un’accogliente area lounge dove poter vivere un’esperienza
differente da quella dei soliti caffè e gustare prodotti frutto di ricerca e
attenzione agli aspetti nutrizionali.
Una caffetteria aperta al pubblico e un laboratorio a vista di panificazione
e pasticceria compongono l’ambiente dell’EDIT Bakery Cafè offrendo
momenti all’insegna della semplicità in uno spazio condiviso da più persone
in totale armonia.

EDIT BREWERY

Il lungo e moderno bancone che percorre l’intero spazio ospita 19 spine e costituisce una delle caratteristiche principali dell’EDIT Brewery, un innovativo birrificio urbano, un punto di incontro tra appassionati della birra, gipsy brewer e mastri birrai provenienti da tutto il mondo.
Le 19 spine protagoniste, offrono altrettante birre, alcune prodotte internamente sotto la guida attenta ed esperta dei mastri birrai, e altre provenienti dai migliori birrifici italiani e internazionali selezionati direttamente da EDIT.
L’EDIT Brewery presenta un menu ricco, all’interno del quale è possibile scegliere tra 80 referenze di birre in lattina e in bottiglia. Si tratta di uno spazio moderno e accogliente dove potersi rilassare bevendo una gustosa birra, per una serata diversa in compagnia dei propri amici.

EDIT PUB

Quando il piacere di una buona birra artigianale incontra la bontà delle
prelibate ricette della tradizione italiana, nasce l’EDIT Pub dove un’attenta
selezione di birre accompagnerà piatti nati per esprimere al meglio uno dei
concetti chiave della filosofia di EDIT: l’importanza della condivisione di un
momento, di un pasto o di una chiacchierata tra amici.
EDIT Pub è situato in continuità con EDIT Brewery con la quale dà vita a
un unico spazio dalla capienza di 180 posti; l’ambiente ospita un tavolo
conviviale lungo 25 metri dove si incontrano persone, si gustano piatti
– tra cui i famosi lievitati di Renato Bosco – e si assaporano birre, il tutto
condito dallo spirito di condivisione che è l’essenza profonda di questo
progetto.

EDIT COCKTAIL BAR

L’arte della mixology e del food pairing si uniscono per dar vita a un raffinato
cocktail bar situato al piano superiore di EDIT all’interno del quale è possibile
sperimentare un percorso personalizzato tra sapori sorprendenti, con una
carta cocktail ricca e studiata in ogni particolare che utilizza un linguaggio
gastronomico con lo scopo di rievocare alla mente i sapori della tradizione.
La bottigliera dell’EDIT Cocktail Bar vanta una selezione di ben 888 referenze con un assortimento particolarmente curato di Gin e Vermouth. In carta si trovano inoltre analcolici di ogni tipo e cocktail a base di birra prodotta
ovviamente in EDIT, dall’EDIT Pub.
Nell’area dedicata all’EDIT Cocktail Bar un’affascinante cantina a vista
completa la visione di insieme, per un ambiente elegante dove potersi
rilassare per un aperitivo dopo il lavoro o per un drink dopo cena con gli amici.

EDIT

EDIT RESTAURANT

Uno spazio ricercato in cui ogni barriera tra la sala e la cucina è stata
annullata: l’EDIT Restaurant si svela completamente ai suoi ospiti grazie
a una cucina centrale a vista circondata da sedute al bancone, dove
le ricette dello chef Matteo Monti accompagnano gli ospiti in un viaggio
gastronomico nel quale tradizione e sperimentazione, qualità e condivisione
si mescolano all’interno dello stesso piatto.
L’EDIT Restaurant è il luogo emblematico dello spirito di condivisione
di EDIT, dove di grande impatto è il bancone che corre intorno alla cucina
con 16 sedute, creando uno dei più grandi Chef’s Table d’Italia. A questo
si aggiungono i 50 coperti della sala, in un’area per metà sospesa nel vuoto,
che propone un’offerta unica.
Tra l’EDIT Restaurant e l’EDIT Cocktail Bar prende vita una sala riservata,
con una capienza di 10 sedute, dedicata a chiunque abbia voglia di ordinare
un aperitivo o cenare avvolto da una particolare atmosfera.

EDIT KITCHENS

EDIT dispone anche di quattro cucine professionali completamente
equipaggiate e aperte al pubblico, che rispondono a una precisa esigenza
di tutti coloro che cercano spazi professionali attrezzati e costituiscono
l’innovativo spazio dedicato alle EDIT Kitchens.
Le quattro cucine si affacciano su una sala di 150 mq che all’occasione
e su richiesta può essere allestita per eventi, show cooking, team
building e lezioni frontali. Grazie agli spazi condivisi e alla strumentazione
all’avanguardia messa a disposizione in ogni cucina, è possibile rispondere
a ogni tipo di esigenza.
Per rendere unica e differente l’esperienza dei vari ospiti, è possibile
riservare l’area incontri oppure una o più cucine condivise: lo spazio living
diventa così platea e la cucina un inaspettato palcoscenico.
L’offerta proposta delle EDIT Kitchens prevede anche servizi aggiuntivi,
che vanno dall’intrattenimento alla presenza di chef dedicati, così come
fotografi e videomaker professionisti.

EDIT OSSERVATORIO

Un open space situato all’ultimo piano della struttura, costituisce l’EDIT
Osservatorio, una sala da 200mq affittabile da chiunque voglia organizzarvi
meeting di lavoro o eventi.
Le grandi vetrate, in linea con il resto della struttura, costituiscono una
delle caratteristiche principali dell’EDIT Osservatorio e la sua posizione
consente di godere di una magnifica vista sulla città di Torino, rendendolo
un ambiente unico nel suo genere.

EDIT LOFTS

EDIT Lofts, una sfida nella sfida, undici appartamenti che propongono
un nuovo modo di vivere. Nato da un’idea di condivisione, il progetto
degli undici è stato realizzato dallo studio Barbara Scott, con l’attenta
partecipazione di Marco e Franca Brignone, e la loro innata passione per
l’arte.
Componenti strutturali come il cemento, l’acciaio e le grandi vetrate sono la
perfetta cornice per ambienti eleganti e confortevoli, dove il design e l’arte
si fondono per dare vita ad un’idea che diventa uno dei cardini espressivi
di maggiore impatto per il futuro della ‘nuova’ Torino. Ricavati nella parte
superiore dell’ex struttura INCET, gli EDIT Lofts rappresentano oggi il
prolungamento di EDIT, andando a completarne l’offerta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *