Basque Culinary Prize

Posted by on 16 luglio 2019

US CHEF ANTHONY MYINT WINS THE BASQUE CULINARY WORLD PRIZE 2019 Myint recognised for his campaigns to reduce food waste and fight climate change Tuesday 16 July 2019 At the ‘Sustainable Thinking’ Symposium in San Francisco, Bay-area chef, Anthony Myint, was today named as winner of the Basque Culinary World Prize 2019, an award for

US CHEF ANTHONY MYINT WINS THE
BASQUE CULINARY WORLD PRIZE 2019
Myint recognised for his campaigns to reduce
food waste and fight climate change
Tuesday 16 July 2019

At the ‘Sustainable Thinking’ Symposium in San Francisco, Bay-area chef, Anthony Myint, was today named as winner of the Basque Culinary World Prize 2019, an award for chefs around the world whose work has transformed society through gastronomy. Myint– an acclaimed chef, restauranteur, author and food consultant– was selected for using gastronomy as an engine to tackle society’s most pressing challenge: climate change. By combining research and practical tools, Myint partners with restaurants to find bespoke ways to reduce their environmental impact.
Through his ZeroFoodprint project, and the Perennial Farming Initiative, Myint explores the cross section between restaurants and the environment. He advises food businesses
on viable options to reduce their carbon footprint, and even go carbon neutral. He has convinced dozens of high-end restaurants around the globe to join his crusade for
sustainability– including Noma (Denmark) and Benu (San Francisco).
In 2019 via the Perennial Farming Initiative, he also joined forces with the state of California to launch the Restore California Programme. The programme arms suppliers and consumers with transparent information on the environmental footprint of restaurants so they can make better informed decisions. All restaurants on the list can either be carbon neutral or support local farmers to remove carbon dioxide from the atmosphere.
Equipped with a degree in Economics and Asian Studies, Myint– alongside his wife, journalist Karen Leibowitz– have incorporated environmental and social activism into their endeavors since Myint began his career with the acclaimed eatery Mission Street Food back in 2008.
Anthony Myint will be awarded €100,000 to devote to a cause or an institution of his choice that demonstrates the wider role of gastronomy in society. In 2018, the prize went to Jock Zonfrillo for dedicating 18 years to discovering and defending the ancient food culture of Australia’s indigenous peoples, which have been largely excluded from the national culinary identity.
The 10 finalist chefs who were under consideration for the prize included Selassie Atadika (Ghana); Mario Castrellón (Panama), Siew-Chinn Chin (Malaysia- USA); Giovanni Cuocci (Italy); Xanty Elías (Spain); Virgilio Martínez (Peru); Cristina Martínez (Mexico- USA); Douglas McMaster (United Kingdom); Anthony Myint (USA); Lars Williams (USA- Denmark).

On winning the Basque Culinary World Prize, Anthony Myint said:
“I started cooking because I believe restaurants can make the world a better place and becoming a parent seven years ago really inspired me to explore what chefs can do about
climate change. Since then, scientists have confirmed that healthy soil and good farming can solve global warming! I’m truly excited that the Basque Culinary World Prize brings
attention to the optimistic solutions in the food world, and I’m incredibly honored to represent what I hope is the beginning of a much larger movement. I believe that all of us
across the food world – chefs, diners, farmers and policy makers – can come together to create a renewable food system. Restaurant have an opportunity to restore—to actually re-store – all of the carbon that was once in the soil”.

Joan Roca, Chair of the Prize Jury, said:

“Instead of contributing to the problem of climate change, gastronomy can be part of the solution. More than raising awareness, Anthony Myint calls for action by providing
concrete tools for our industry to reduce its impact on the environment and to be an active part of the collective efforts that are required to fix this universal problem, rallying us to
be part of the change”.
Understanding that a concrete impact requires chefs around the globe to band together in a scalable way, the prize jury members committed to solutions proposed by Myint that will minimize their restaurants’ environmental impacts. These restaurants include Mugaritz, Celler de Can Roca, Azurmendi, Atelier Crenn, Pujol, Cosme, and Narisawa,
among others.
Joxe Mari Aizega, Director General of the Basque Culinary Centre, said:

“We’re proud that the fourth edition of the Basque Culinary World Prize has confirmed its strength through greater participation of the gastronomic community than ever before. It is an ever-growing phenomenon and spreading its influence throughout the world.
“The objective of this award is to share inspiring testimonies that demonstrate how gastronomy can be a powerful tool to improve our society. The winner of this prize is both an inspiring story that we are excited to share, and an example of the sense of responsibility that a chef can assume”.
Bittor Oroz, Deputy Minister of Agriculture, Fisheries and Food Policy of the Basque Government, said:

“The Basque Culinary World Prize is a unique and global award, framed within the strategy of the Basque Government’s Euskadi Basque Country. It is both inclusive and ambitious, as we know that collaboration is needed in order to secure our position in the world and reinforce the Basque Country as an international reference. We possess the
experience and trajectory of a country that has always been open to the world, as well as a network of Basque regions that are active and engaged with the Basque Country’s
internationalization challenge. Through initiatives such as Basque Culinary World Prize, we contribute to the configuration of a new social model, more just and sustainable, at the service of people”.

The Basque Culinary World Prize is an award created by the Basque Government under the Euskadi-Basque Country Strategy and the Basque Culinary Center. This country brand, which is based on Basque strengths and singularities, positions Euskadi as a global player, as a benchmark for excellence, as a model of quality of life and social cohesion, and as an innovative and competitive country. The Basque
Culinary Center Foundation was established in San Sebastian in 2009. It concentrates its efforts on creating an interdisciplinary space that contributes to the professionalisation of the gastronomic sector.
Nominations were open from February-May 2019 for chefs – not projects – whose work has transformed society through gastronomy. The prize build upon the work of a generation of chefs who understood that gastronomy could have a transformational impact in areas such as innovation, education, the environment, health, economic development, and on the food industry. The BCWP encourages nominating chefs of any nationality, regardless of their level of fame or recognition.
To be considered for the award, chefs had to be nominated by another professional currently working in the world of gastronomy – for instance, another chef, food writer or food supplier, or an institution. The members of both the Jury and the Technical Committee can not be nominated for the prize.

LO CHEF ANTHONY MYINT VINCE IL BASQUE CULINARY WORLD PRIZE 2019

In palio €100,000

Giovanni Cuocci della Lanterna di Diogene (Modena) in finale

A San Francisco nel corso del simposio “Pensiero Sostenibile”, Anthony Myint, chef della famosa baia, è stato proclamato vincitore del Basque Culinary World Prize 2019, il premio per chef che abbiano contribuito a trasformare la società attraverso la gastronomia. Myint aggiunge il Basque Culinary World Prize ai molti riconoscimenti, a partire dal suo ristorante, alle pubblicazioni e consulenze nel settore alimentare.

Anthony Myint

Con convinzione, tenacia e creatività si propone di affrontare, dalla cucina, una delle sfide più importanti della società globale: il cambiamento climatico. A San Francisco, promuove iniziative come ZeroFoodprint per mettere in evidenza l’impatto ambientale della ristorazione e offrire strumenti e soluzioni affinché ogni chef possa ridurre o eliminare, ovunque si trovi, le proprie emissioni di carbonio. Più di 30 influenti ristoranti in tutto il mondo, come Benu o Noma, ne applicano la metodologia, mentre con The Perennial Farming Initiative, sostiene modelli di agricoltura sostenibile.

Con progetti quali ZeroFoodprint e Perennial Farming Initiative, Myint mette in evidenza l’impatto ambientale della ristorazione. Offre soluzioni affinché ogni chef possa ridurre o eliminare, ovunque si trovi, le proprie emissioni di carbonio. E’ riuscito a convincere molti dei più influenti ristoranti al mondo, come Benu (San Francisco) o Noma (Danimarca), ad applicare la sua metodologia ed ad abbracciare la sua battaglia per la sostenibilità.

Nel 2019, per mezzo della sua Perennial Farming Initiative, in associazione con lo Stato della California ha varato il programma Restore California Programme. L’iniziativa fornisce a consumatori e fornitori gli strumenti per avere un’ informazione trasparente rigurado all’impatto ambientale dei ristoranti iscritti nell’elenco, in modo che possano prendere decisioni migliori basate su dati chiari. Ciascun ristorante per accedere all’elenco deve avere una gestione neutrale per quanto riguarda le emissioni di anidride carbonica, oppure appoggiare gli agricoltori della zona ad estrarla dall’atmosfera.

Forte di una laurea in Economia e Studi Asiatici, Myint– insieme alla moglie, la giornalista Karen Leibowitz– ha posto al centro del suo lavoro l’attivismo in campo ambientale e sociale sin dagli inizi della sua carriera con il famoso ristorante Mission Street Food nel 2008.

Il Basque Culinary World Prize è organizzato e promosso dal Basque Culinary Center, istituzione accademica leader a livello mondiale nella gastronomia, e dal Governo Basco nel contesto della Strategia Euskadi-Basque Country.

Il vincitore/La vincitrice del Basque Culinary World Prize, annunciato alla Salesforce Tower di San Francisco, è stato scelto fra i 10 finalisti da una giuria internazionale composta dai più acclamati chef del mondo e da esperti internazionali di settori collegati.

La Giuria, presieduta dallo chef Joan Roca (Celler de Can Roca), includeva chef famosi come Andoni Luis Aduriz (Mugaritz), Eneko Axta (Azurmendi), Massimo Bottura (Osteria Francescana), Manu Buffara (Manu), Katina e Kyle Connaughton (SingleThread), Dominique Crenn (Atelier Crenn), Linda Deakin (IDEO), Trine Hahnemann (Hahnemanns Køkken), Yoshihiro Narisawa (Narisawa), Emiliana Puyana (La Cocina), Enrique Olvera (Pujol), Tucker Taylor (Jackson Family Wines), e Jock Zonfrillo (Orana) vincitore del BCWP 2018.

Anthony Myint riceverà 100.000 euro da destinare ad una causa o a un’istituzione a sua scelta che dimostri il più vasto ruolo sociale della gastronomia. Nel 2018 il premio è stato assegnato a Jock Zonfrillo per aver dedicato 18 anni alla riscoperta e alla difesa dell’antica cultura del cibo degli indigeni australiani, in gran parte esclusa dall’identità gastronomica nazionale.

I 10 chef finalisti che hanno concorso per il premio sono: Selassie Atadika (Ghana); Mario Castrellón (Panama), Siew-Chinn Chin (Malesia-USA); Giovanni Cuocci (Italia); Xanty Elías (Spagna); Virgilio Martínez (Perù); Cristina Martínez (Messico-USA); Douglas McMaster (Regno Unito); Anthony Myint (USA); Lars Williams (USA-Danimarca).

Questi nomi fanno parte di un movimento pionieristico che loro stessi hanno contribuito a far crescere, i cui iniziatori sono chef quali Ferran Adrià, José Andrés, Dan Barber, Massimo Bottura, Claus Mayer, Jamie Oliver, e Alice Waters, personaggi che hanno stimolato il settore gastronomico cambiandone le regole di fondo, e assumendosi ormai da decenni la responsabilità di migliorare la società.

All’annuncio della vincita del Basque Culinary World Prize, Anthony Myint ha dichiarato:

“Ho iniziato a cucinare perché credo che i ristoranti possano rendere il mondo migliore e diventare padre sette anni fa mi ha davvero ispirato a esplorare ciò che gli chef possono fare sul cambiamento climatico. Da allora, la scienza ha confermato che un terreno sano e una buona agricoltura possono risolvere il riscaldamento globale! Sono davvero entusiasta del fatto che il Basque Culinary World Prize porti attenzione alle soluzioni positive nel mondo del cibo, e sono incredibilmente onorato di rappresentare ciò che spero sia l’inizio di un movimento molto più ampio. Sono convinto che tutti noi attraverso l’intero settore alimentare: dai cuochi, commensali, agricoltori fino ai politici possiamo unirci per creare un sistema rinnovabile. Il ristorante ha l’opportunità di “restaurare” la natura, effettivamente, di re-immagazzinare tutto il carbonio che c’era una volta nel terreno “.

Joan Roca, Presidente della Giuria, ha detto:

“Invece di contribuire al problema del cambiamento climatico, la gastronomia può portare soluzioni: oltre ad aumentare la consapevolezza, Anthony Myint richiama all’azione, fornendo strumenti concreti al nostro settore per ridurre l’impatto ambientale ed essere parte attiva degli sforzi collettivi che sono necessari per risolvere questo problema universale, incitandoci ad essere parte del cambiamento “.

Fondati sull’idea che il coinvolgimento del settore gastronomico è fondamentale e che un impatto concreto richiede che gli chef di tutto il mondo si uniscano in modo scalabile, i membri della giuria si sono impegnati iscrivendo i propri ristoranti come consulenti a sostegno del progetto ZeroFoodprint, a partire da Mugaritz, Celler de Can Roca, Azurmendi, Atelier Crenn, Pujol, Cosme e Narisawa, solo per fare alcuni esempi.”

Dominique Crenn, della Giuria, ha affermato:

“Credo veramente nel Basque Culinary World Prize. È il riconoscimento di un maggior valore della gastronomia, di come possa essere strumento per innovare e migliorare l’istruzione, la salute, la ricerca, la sostenibilità e la filantropia. Come chef sento la responsabilità di fare tutto quello che posso per contribuire a cambiare la società attraverso ciò che faccio – portare dei cambiamenti non solo in cucina – e sono molto felice che il Basque Culinary World Prize riconosca questo genere di sforzi compiuti dagli chef in tutto il mondo.”

Joxe Mari Aizega, Direttore Generale del Basque Culinary Centre, ha dichiarato:

“Siamo orgogliosi che questa quarta edizione del Basque Culinary World Prize confermi la propria importanza con il più alto livello di partecipazione della comunità gastronomica da quando è stato istituito. È un fenomeno in continua crescita e la sua influenza si diffonde nel mondo.

Scopo del premio è quello di condividere testimonianze stimolanti che dimostrino come la gastronomia riesca ad essere un efficace strumento per cambiare la società. Il vincitore del premio rappresenta una storia stimolante che condividiamo con emozione, e un esempio del senso di responsabilità che uno chef può assumersi”.

Bittor Oroz, Vice Ministro del Governo Basco per l’Agricoltura, la Pesca e l’Alimentazione, ha detto:

“Il Basque Culinary World Prize è un premio unico e globale, pensato in coerenza con le strategie dell’Euskadi Basque Country del Governo Basco. E’ ambizioso ed inclusivo perchè ci rendiamo conto che è necessario collaborare per consolidare la nostra posizione nel mondo e rafforzare l’immagine dei Paesi Baschi come modello di riferimento a livello internazionale. Possediamo l’esperienza e la prospettiva di un paese che è sempre stato aperto al mondo, e disponiamo di una rete di regioni Basche attive ed impegnate nella sfida per l’internazionalizzazione portata avanti dai Paesi Baschi. Con iniziative quali il Basque Culinary World Prize, contribuiamo al disegno di un nuovo modello sociale , più equo e sostenibile, al servizio della gente”.

LA ROSA DEI FINALISTI:

Selassie Atadika

Selassie apre le porte del Ghana con un discorso contemporaneo e impegnato. Dopo essersi formata in Studi Internazionali alla Columbia University e aver lavorato un decennio per l’ONU, è passata alla cucina per affrontare le sfide dell’alimentazione. Laureatasi presso il Culinary Institute of America (CIA), invece di rimanere negli Stati Uniti è tornata in Africa per aprire il suo ristorante Midunu ad Accra (2014), dove inalbera il suo concetto di una Nuova Cucina Africana. Ne studia ed esplora l’eredità insieme a un’équipe composta da sole donne, con cui spera di far sì che più ragazze si inseriscano come professioniste nell’alta cucina dell’Africa e non vengano viste soltanto come cuoche domestiche portatrici di tradizione.

Giovanni Cuocci

Alle porte di Modena, in un angolo remoto dell’Italia profonda, Cuocci vive la cucina come un modo per prendersi cura del territorio e delle persone che lo circondano, attraverso una cooperativa gastronomico-sociale ispiratrice e innovativa dove il cibo si trasforma non tanto in ricette quanto piuttosto in opportunità per i suoi soci: persone con disabilità intellettiva con cui semina, alleva e lavora artigianalmente il meglio delle tradizioni commestibili dell’Emilia Romagna. Nella fattoria- ristorante Lanterna di Diogene normalizza l’interazione con uno dei collettivi più invisibili e trascurati della nostra società, valorizzandone le
capacità.

Virgilio Martinez

Da Central, a Lima, ha aperto nuove e insospettabili frontiere per la cucina peruviana da una prospettiva orientata all’innovazione e alla scoperta, costruita a partire dal lavoro di Mater Iniciativa, piattaforma interdisciplinare mediante cui si addentra in una delle maggiori biodiversità del mondo con il presupposto che “fuori c’è di più”. Con Mil, la sua più recente scommessa presso Cuzco, rompe gli schemi di fronte alle rovine inca di Moray con un modello di interazione non invasiva in cui l’eredità delle comunità ancestrali e le conoscenze generate dalla ricerca si fondono in un’impresa creativa basata su premesse come la biodiversità, la sostenibilità, lo scambio di conoscenze e la connessione con la terra.

Cristina Martinez

Negli Stati Uniti, il timore della deportazione riduce al silenzio oltre un milione di lavoratori privi di documenti. Eppure a Philadelphia, questa cuoca messicana approfitta del successo del suo ristorante South Philly Barbacoa (tra le migliori aperture del 2016, secondo Bon Appètit) per dare voce alla polemica lotta di chi lavora senza documenti ai tempi di Donald Trump. Ha guidato l’iniziativa #Right2Work, con la quale promuove la conversazione pubblica sulle condizioni di questo gruppo nel settore della ristorazione e crea spazi di incontro per lo scambio di informazioni e supporto tra chi ne ha più bisogno. Il sindaco di Philadelphia, Jim Kenney, le ha consegnato il Nationalities Service Award per la sua lotta a favore dei diritti degli immigrati e il suo contributo per trasformare la città in una meta gastronomica. Il suo lavoro ha ispirato una risoluzione del Consiglio locale, la quale riconosce che il lavoro è un diritto umano indipendentemente dallo status di immigrazione.

Douglas McMaster

Con Silo, il primo ristorante zero waste del Regno Unito, Douglas è stato il pioniere di una visione che oggi si sta diffondendo a livello internazionale, standardizzando pratiche controcorrente e un modello culinario “preindustriale” che ispira giovani chef in tutto il mondo: nulla avanza, tutto si trasforma. Sostituisce il concetto di recycle con quello di upcycle, dimostrando che i rifiuti esistono solo perché non si sa cosa farne e che la cucina può aiutare a cambiare i modelli di consumo a favore della sostenibilità intesa non come slogan, ma come realtà.

Mario Castrellón

Sfrutta internazionalmente la cultura gastronomica di un paese da scoprire come Panama, approfittando della sua leadership da imprenditore per generare opportunità di sviluppo sociale soprattutto nelle comunità caffearie che, pur producendo attualmente uno dei caffè più apprezzati e pregiati del mondo (il geisha), non riescono a tradurre i benefici in minore povertà o maggiore produttività. Lo chef di Maíto promuove dinamiche di commercio equo e solidale, spazi di formazione e opportunità di impiego per i produttori e le donne in situazione di vulnerabilità.

Xanty Elías

Lo chef di Acánthum, l’unico ristorante con stella Michelin a Huelva (Spagna), è impegnato nello sviluppo della sua regione: come presidente della Fondazione Prenauta, punta sul turismo, sull’innovazione e sull’imprenditorialità nel settore della ristorazione. Con l’idea di promuovere l’educazione alimentare, nel 2018 ha lanciato Los Niños se Comen el Futuro (I bambini si mangiano il futuro), iniziativa che prevede l’inserimento della materia di Cultura Gastronomica nelle scuole elementari che, nel suo programma pilota svoltosi tra il 2018 e il 2019, è stata impartita a 2.200 alunni tra i 6 e i 7 anni in 50 scuole dell’Andalusia.

Lars Williams

A Copenhagen, l’ex direttore del Nordic Food Lab incarna un modo originale di intendere l’innovazione. Con occhi da chef, trasferisce concetti legati al mondo della cucina nell’ambito dei distillati grazie all’azienda Empirical Spirits, con cui cerca di “racchiudere sapori da tutto il mondo” mediante tecniche di distillazione e di fermentazione all’avanguardia. Insieme all’attivista ed educatrice Chido Govera, fondatrice di Future of Hope in Zimbabwe, inizia a promuovere programmi di innovazione culinaria che favoriscano le comunità escluse, dove ingredienti dalle potenzialità inesplorate (dai frutti selvatici alle termiti) si trasformino in prodotti unici in grado di generare valore economico e identitario e di conquistare i mercati globali.

Siew-Chinn Chin

Legata alla lotta per l’alimentazione biologica e sana negli Stati Uniti, si è impegnata per tutta la sua lunga carriera in programmi a favore dell’indipendenza dal sistema dei cibi industriali e dei fast food come The Charlie Cart Project, in cui la chef malese si unisce al tentativo di portare la formazione culinaria all’intero paese, utilizzando a tal fine una cucina mobile dotata di vari strumenti per fare in modo che decine di ricette servano a stabilire collegamenti tra cucina, salute e ambiente. Ha formato oltre 500 educatori di circa 10 stati, in cui si stima che abbia raggiunto circa 150.000 bambini.

Negli anni precedenti, il premio è stato vinto da Jock Zonfrillo (BCWP 2018) per aver dedicato 18 anni alla scoperta e alla difesa dell’antica cultura alimentare dei popoli indigeni dell’Australia, ampiamente esclusi dall’identità culinaria nazionale; Leonor Espinosa (BCWP 2017) per il suo lavoro con le comunità indigene e afro-colombiane al fine di trasformarne il patrimonio biologico, culturale e immateriale in strumenti di sviluppo socio-economico; e María Fernanda Di Giacobbe (BCWP 2016), che ha costruito un’intera catena di istruzione, imprenditorialità e sviluppo economico intorno al cacao venezuelano.

Il Basque Culinary World Prize è un premio istituito dal Governo Basco come parte della Strategia Euskadi-Basque Country, in collaborazione con il Basque Culinary Center. Un marchio nazionale che, basandosi su punti di forza e specificità, fa dei Paesi Baschi una nazione di spicco a livello internazionale, un modello di eccellenza, qualità della vita e coesione sociale, un territorio innovativo e competitivo. La Basque Culinary Center Foundation, costituita a San Sebastian nel 2009, si dedica alla creazione di luoghi di incontro interdisciplinari che contribuiscano alla professionalizzazione del settore gastronomico.

Le candidature sono state accolte nel periodo febbraio–maggio 2019 per chef (non per progetti) il cui operato abbia migliorato la società attraverso la gastronomia. Il premio fa perno sul lavoro di una generazione di chef che hanno capito come la gastronomia possa avere un effetto di cambiamento in settori quali innovazione, istruzione, ambiente, salute, sviluppo economico, e industria alimentare. Il BCWP promuove la candidatura di chef di ogni nazionalità, a prescindere dalla loro notorietà o riconoscimento. Per concorrere al premio, gli chef devono essere candidati da un altro professionista attivo nel campo della gastronomia – ad esempio un altro chef, un pubblicista del settore gastronomico, un fornitore alimentare, un’istituzione. Non possono essere candidati componenti della Giuria e del Comitato Tecnico.

Pubblicato da Elio Crociani su Mercoledì 25 luglio 2018

Jock Zonfrillo riceve il Basque
Culinary World Prize 2018 in una cerimonia di Gala a San Sebastian

Lo chef Italo-scozzese Jock Zonfrillo riceve il Basque Culinary World Prize 2018 per la difesa della cultura delle popolazioni indigene dell’Australia e la salvaguardia della tradizione culinaria aborigena.
Il premio, del valore di 100.000 euro, sosterrà Jock Zonfrillo nella sua missione di stabilire contatti fra le popolazioni autoctone e il resto della società australiana creando  un mercato per il loro patrimonio gastronomico.
Il vincitore è stato selezionato da una giuria presieduta dallo chef Joan Roca e composta da alcuni dei più autorevoli chef del mondo, nonché da esperti internazionali di altri settori.

Jock Zonfrillo, chef scozzese con radici napoletane e Australiano d’adozione, ha ricevuto il Basque Culinary World Prize 2018, in una cerimonia di Gala al teatro Victoria Eugenia di San Sebastián.

Il Basque Culinary World Prize, un premio da 100.000 euro, alla sua terza edizione,  è organizzato e promosso dal Governo basco nel quadro della Strategia Euskadi-Basque Country e dal Basque Culinary Center (BCC), un’istituzione accademica leader a livello mondiale nella gastronomia. Si tratta di un riconoscimento conferito a quegli chef che migliorano la società attraverso la gastronomia in settori come innovazione, istruzione, salute, ricerca, sostenibilità, imprenditorialità sociale e sviluppo economico.

Alla presenza di un distinto uditorio, la consigliera per lo Sviluppo Economico e le Infrastrutture del Governo Basco, Arantxa Tapia, ha messo nelle mani di Jock Zonfrillo la stella del Basque Culinary World Prize, premio che gli è stato assegnato per il suo impegno contro l’esclusione degli indigeni australiani dalla storia e dalla cultura dell’Australia di oggi.  Attraverso la sua Fondazione Orana, Jock Zonfrillo preserva la raffinata cultura e pratica gastronomica degli aborigeni australiani che, da 60.000 anni, coltivano la loro terra con successo.

Da quando si è trasferito in Australia, nel 2000, Jock Zonfrillo ha visitato centinaia di comunità remote per conoscere i frutti ella loro terra e il loro valore culturale.  Ha presentato questi prodotti alimentari nei menù del suo prestigioso ristorante Orana, ad Adelaide, e ha portato le tradizioni culturali aborigene ad un più ampio pubblico grazie a programmi come Nomad Chef.

Lo chef ha valorizzato i prodotti locali, utilizzandoli in modi innovativi. Mediante accordi con università e istituzioni tra cui l’Università di Adelaide e il Museo e i Giardini Botanici dell’Australia del Sud, ha garantito la verifica delle informazioni di questi alimenti autoctoni e la loro registrazione in una nuova banca dati.

I fondi del Basque Culinary World Prize verranno impiegati dalla Fondazione Orana di Jock Zonfrillo per sovvenzionarne il lavoro, che alla fine, consentirà una produzione commerciale, creando nuove opportunità per le comunità indigene, e  per  sviluppare un software per catalogare i 2.000 ingredienti già analizzati, fino ad arrivare a 15.000 ingredienti nei prossimi anni.
Inoltre, i fondi verranno utilizzati da Orana per sostenere i progetti che promuovono la cultura alimentare tradizionale dell’Australia, fra i quali:

Capannone di condizionamento per la comunità: Costruito a Kimberley, in Australia occidentale, per essere utilizzato dalla comunità Nyul Nyul come capannone di lavorazione e conservazione di prodotti agroalimentari selvatici. Il capannone è costruito in bambù sostenibile, resistente alle termiti e assemblato con un impatto minimo sul terreno.  La lavorazione e l’imballaggio dei prodotti sul posto ne aumenteranno la durata, il valore nutrizionale e gli standard sanitari, permettendo alla comunità di ampliare il proprio mercato molto al di là di quanto sia attualmente possibile.
Allevamento di gamberi d’acqua dolce: La Fondazione Orana, in collaborazione con una organizzazione indigena con esperienza nell’acquicoltura, sta cercando di allevare un grande gambero d’acqua dolce tipico della regione di Kimberley, nell’Australia occidentale. I fondi del Basque Culinary World Prize serviranno a finanziare l’acquisto di un impianto mobile per il trattamento dei crostacei, che consentirà alle comunità indigene remote di congelare istantaneamente i gamberi per poterli trasportare nelle città dell’isola.

Jock Zonfrillo è stato nominato vincitore del Basque Culinary World Prize 2018 da una giuria presieduta da Joan Roca, del ristorante El Celler de Can Roca (Spagna), e composta da alcuni fra gli chef più autorevoli al mondo come Gastón Acurio (Perù), Massimo Bottura (Italia), Manu Buffara (Brasile), Mauro Colagreco (Francia), Dominique Crenn (USA), Andoni Luis Aduriz (Paesi Baschi, Spagna), Yoshihiro Narisawa (Giappone), Enrique Olvera (Messico) e Leonor Espinosa, vincitrice del Basque Culinary World Prize 2017, oltre a esperti di altre discipline come la scrittrice gastronomica Ruth Reichl, lo storico dell’alimentazione Bee Wilson e la disegnatrice d’interni Ilse Crawford.

Il vincitore è stato annunciato a luglio presso il Collegio San Carlo di Modena, dove si è riunita la giuria del premio ospite di Massimo Bottura, uno dei giurati nonché uno dei pionieri della gastronomia etica.

Prima della cerimonia di premiazione, Jock Zonfrillo ha affermato:

“Sono orgogliosissimo di essere stato nominato vincitore del Basque Culinary World Prize 2018. Avere una giuria di pari per cui sento un enorme rispetto rende questo riconoscimento ancora più significativo.

Gli indigeni dell’Australia sono i veri maestri e “inventori del cibo”, e prosperano su queste terre da oltre 60.000 anni. Questo riconoscimento internazionale rappresenta quanto sia importante per la gastronomia preservare la sofisticatezza dei propri alimenti e tecniche di cottura e, inoltre, a noi della Fondazione Orana dà il coraggio di continuare a combattere per loro.

Il 100% dell’importo del premio viene investito in progetti a favore delle popolazioni indigene che avranno un impatto sostenibile in un’ottica a lungo termine sulla sicurezza finanziaria e apporteranno dei cambiamenti positivi alle condizioni di vita delle comunità.

Il mondo della gastronomia è un fattore di cambiamento e il Basque Culinary World Prize è una parte strumentale di quest’ondata di cambiamento.”

Arantxa Tapia, consigliera per lo Sviluppo Economico e le Infrastrutture, ha affermato:

“Quello dell’alimentazione e della gastronomia si consolida come uno dei settori più importanti in cui i Paesi Baschi possono svilupparsi e innovare, tenendo conto del potenziale che sta mostrando, con un peso che già raggiunge il 10% del PIL e una grande capacità di generare impiego e proporre nuovi prodotti e progetti imprenditoriali.

Il progetto premiato in questa edizione del Basque Culinary World Prize è un chiaro esempio dell’innovazione di un’economia sociale mediante un’azione trasformatrice imperniata sulla gastronomia.”

Vicente Atxa, Preside dell’Università di Mondragon e Presidente del Consiglio Direttivo del Basque Culinary Center, ha dichiarato:

“La crescita del settore gastronomico degli ultimi anni ha puntato i riflettori sugli chef.  Siamo certi che questo settore può aumentare il proprio prestigio contribuendo ad affrontare importanti problemi sociali.

“Ora siamo alla terza edizione del Basque Culinary World Prize, e la rivoluzione che viene celebrata – gli chef impegnati nella società “oltre la cucina” – continua a diffondersi.    Il premio si è rafforzato attraverso i suoi vincitori, esempio di un modo di intendere la gastronomia nuovo e ispiratore.  Al Basque Culinary Center abbiamo sviluppato il potenziale economico e sociale della gastronomia.   Il premio ha puntato un potente riflettore sul lavoro degli chef al fronte di questo movimento che può educare ed essere di ispirazione per gli altri”

Joan Roca, presidente della Giuria, ha affermato:
“Il nostro nuovo vincitore è un ottimo esempio di come gli chef stiano trasformando il proprio ruolo in tutto il mondo, mostrando un profondo impegno nei confronti delle società in cui lavorano.  Per oltre 15 anni, Jock si è dedicato a comprendere e promuovere una delle culture più antiche del pianeta: quella dei popoli nativi dell’Australia.   Questo chef scozzese, grazie a uno scambio di opinioni e a un lavoro di ricerca, mostra al mondo intero il potenziale culinario di un patrimonio a lungo ignorato. Attraverso l’identificazione degli ingredienti e delle tradizioni e il suo impegno nel trasformare il sapere di queste popolazioni in opportunità di sviluppo, Zonfrillo sparge i semi di un futuro migliore.”

La storia:

Il Basque Culinary World Prize è stato lanciato nel 2016, un’iniziativa per mettere i risalto come la gastronomia può avere un impatto sulla società, mostrando il lavoro di imprenditori e imprenditrici che si battono per l’eccellenza e che sono, soprattutto, fortemente impegnati nelle rispettive comunità.

Il Basque Culinary World Prize 2018 ha ricevuto 140 candidature di chef da 42 paesi. Per essere considerati ai fini dell’assegnazione del premio, gli chef dovevano essere nominati da un altro professionista che attivo nel mondo della gastronomia, ad esempio un altro chef, uno scrittore gastronomico, un fornitore o un’istituzione del settore alimentare.

I 10 finalisti del Basque Culinary World prize sono: Anthony Myint (USA), Caleb Zigas (USA), Dieuveil Malonga (Congo/Germania), Ebru Baybara Demir (Turchia), Heidi Bjerkan (Norvegia), Jock Zonfrillo (Australia/Scozia), Karissa Becerra (Perù), Marc Puig-Pey (Spagna), Matt Orlando (Danimarca, USA) e Virgilio Martínez (Perù).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *